LA LIBERTÀ CHE È IN NOI PIÙ FORTE

Chiesa di San Barnaba, Sagrestia 6 settembre 2017 - h 18:30:00
2017_09_06_013

Faraj Bayrakdar è uno degli intellettuali di riferimento dell'esilio siriano e dell'opposizione al regime di Assad. Arrestato già più volte negli anni Settanta per aver pubblicato alcuni giovani poeti siriani, nel 1987 entra in carcere per la sua attività politica e vi resta per quattordici anni. La sua produzione poetica nasce nelle condizioni estreme della prigionia, nel disperato tentativo di resistere alla tortura, all'isolamento, all'annientamento della propria dignità. I suoi componimenti abbandonano presto l'espressione più acerba del rancore per raggiungere un lirismo più alto, figurato, potente: «pian piano mi sono accorto che la poesia è per me il più bel volo della libertà. È l'esercizio più pieno della libertà e, insieme, è qualcosa che non può essere imprigionato». A conversare con l'autore de "Il luogo stretto" sono la sua traduttrice, Elena Chiti, ed Elisabetta Bartuli, esperta di letteratura araba.

English version not available

cronaca  Non disponibile.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci