TRA LE BRACCIA DI JESSE

Convento di Santa Paola, Chiesa 9 settembre 2017 - h 16:45:00
2017_09_09_160

Secondo l'astrofisico Stephen Hawking, «le persone silenziose sono quelle che hanno le menti più rumorose». Così è per Jesse Cooper, ragazzo dall'intelligenza fuori dalla norma e studente modello. La sua grave tetraplegia, accompagnata dal mutismo e da continue crisi epilettiche, lo ha portato a scontrarsi ogni giorno contro una società piena di buone intenzioni ma troppo distratta e piena di pregiudizi per prendersi davvero cura dei suoi problemi. È stato l'amore incondizionato dei suoi genitori, entrambi attori hollywoodiani, ad accompagnarlo fino a una mattina di gennaio del 2005, quando ha lasciato questa terra; un amore che molto ha dato e altrettanto ha avuto, perché l'estrema vulnerabilità di questo ragazzo speciale, come ha scritto sua madre Marianne nello struggente memoir Jesse e come ricorda l'attrice nel suo incontro col regista Davide Ferrario, «gli conferiva un potere enorme: quello di tirar fuori il meglio dagli altri».

English version not available

cronaca  Non disponibile.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci