L'IMPERO NON È MAI CESSATO. Saggio del laboratorio di improvvisazione musicale su 'Ubik' di Philip K. Dick

Ubik
2017_09_09_180

Fabrizio Puglisi conduzione, pianoforte, Valeria Sturba theremin, elettronica, violino, Valentina Paggio voce, Luca Valenza marimba, vibrafono, campane tubolari, e i partecipanti al laboratorio di improvvisazione musicale 'Ubik'

Nei quattro giorni del Festival fin qui trascorsi, venti musicisti, attori e performer di ogni estrazione e preparazione si sono incontrati tra loro e confrontati con il romanzo di Philip K. Dick "Ubik". Il percorso li ha portati ad esplorare varie strategie per l'improvvisazione collettiva e per la composizione estemporanea, e a sfruttare le possibilità meno convenzionali del proprio strumento. Le visionarie intuizioni di Dick ora prendono forma sonora: uno spettacolo costituito di frammenti di testo, pezzi originali scritti per l'occasione, echi di musica antica, sonorità elettroniche, e tutto ciò che uscirà dall'imprevedibile genio del laboratorio di improvvisazione collettiva "Ubik".

English version not available

cronaca  Non disponibile.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci