UNA PARTITA PER RICOMINCIARE

Palazzo D'Arco, Giardino 10 settembre 2017 - h 11:15:00
2017_09_10_199

Visto in tv o vissuto sul campo da gioco, il calcio è senz'altro un impareggiabile generatore di sogni, ma è anche una cartina al tornasole che rivela le grandi speranze e le amare disillusioni di un corpo sociale. Lo sa bene lo scrittore inglese Anthony Cartwright, che in romanzi come "Heartland" e l'ultimo "Iron Towns - Città di ferro", ha saputo raccontare le vite in declino di cittadini falcidiati dalla crisi economica, dal liberismo selvaggio, dal collasso di centri siderurgici un tempo prosperi e fiduciosi e ora costretti a fare i conti con le più disparate forme di rabbia ed esclusione. Anche in queste cupe realtà c'è sempre una partita a calcio in grado di illuminare i nostri più umani desideri, in barba all'alcool, alla deindustrializzazione e agli inverni del nostro scontento. Ne parla al Festivaletteratura Enrico Franceschini ("Tutti hanno bisogno di un allenatore").

L'evento 199 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto presso la Chiesa di Santa Paola ed era prevista anche la presenza di Anthony Cartwright.

English version not available

cronaca  Non disponibile.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci