L'ULTIMO SLAM DI ARTHUR ASHE

2017_09_10_215

«Se sono diventato una persona migliore è per il tempo che ho passato con lui», ha affermato John McEnroe, perché Arthur Ashe era la generosità fatta sport. Nato in Virginia nel 1943, si fece valere in una disciplina appannaggio dei soli 'bianchi' e all'apice della sua carriera ingaggiò una strenua lotta contro l'apartheid a fianco di Nelson Mandela. Vinse tre tornei del Grande Slam, fondò la National Junior Tennis League e capitanò la squadra statunitense di Coppa Davis. Due attacchi di cuore e un fatale intervento chirurgico in seguito al quale contrasse l'HIV non spensero la sua voglia di vivere e combattere, come ben traspare dalla splendida autobiografia "Giorni di grazia", da lui ultimata in punto di morte, e dall'omaggio che Mauro Berruto, già allenatore della nazionale italiana di pallavolo, gli tributa.

L'evento 215 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente era prevista anche la presenza di Paolo Bertolucci.

English version not available

cronaca  Non disponibile.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci

Evento in lingua: italiano
PERSONE CORRELATE ( 2 )
Mauro Berruto
LUOGO CORRELATO
Palazzo Ducale, Basilica Palatina di Santa Barbara
TEMI CORRELATI (2) ENTI CORRELATI ( 1 )