A VOLTE RITORNANO: IL FEUILLETON


Chiesa di San Maurizio 11 settembre 2009 - h 18:30
2009_09_11_106

«Per me viene prima la forma romanzesca, l'intrigo, la forza dei personaggi». Per la scrittrice francese Anne-Marie Garat il romanzo è una straordinaria macchina da storie, feconda, generosa, dalle risorse prodigiose. Il feuilleton è il romanzo per eccellenza: scrivere feuilleton, secondo l'autrice di "Il quaderno ungherese", significa saper sorprendere se stessi, pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo. Dell'esperienza di una scrittura narrativa così densa, sontuosa e nel contempo sottile Anne-Marie Garat parla con Bianca Pitzorno, scrittrice e cultrice del feuilleton, e con Liliana Rampello, saggista e consulente editoriale.


English version not available

cronaca  Liliana Rampello introduce al pubblico Bianca Pitzorno e Anne-Marie Garat ed intavola la discussione sul Feuilleton, genere letterario molto in voga a metà Ottocento soprattutto in Francia e in Inghilterra, sottolineando l'importanza della trama, di una forte nervatura centrale, e della stesura a episodi, a puntate.
La costruzione dei personaggi è 'a tutto tondo', con una fisionomia ben definita, e vengono rappresentate tutte le classi sociali. Questo genere è poi scomparso nel corso del Novecento, evolvendosi prima sotto una forma radiofonica, fino ad arrivare alla nostra televisione.
Bianca Pitzorno prosegue la discussione fornendoci una dettagliata descrizione dei personaggi del nuovo libro della Garat "Il quaderno ungherese", definendolo un testo esigente proprio come le sue lettrici, in grado di risvegliare una grande curiosità durante la lettura. Anne-Marie Garat, conclude sottolineando la sua intenzione di tracciare nel libro un percorso alla ricerca della verità e dell'amore, non inteso in senso assoluto, ma anche colto verso la distruzione o l'oppressione dell'altro. Questo ci riporta al titolo originale francese: "Nella mano del diavolo".
Anne-Marie ci lascia con la promessa di un terzo volume che uscirà il prossimo settembre, mentre il secondo, ambientato nel 1933 a Montepulciano, è già uscito in Francia.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci