READING


Palazzo Ducale, Cortile della Cavallerizza 12 settembre 2004 - h 17.00
2004_09_12_217

John Coetzee ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura nel 2003. Come recita la motivazione dell'Accademia Reale Svedese «Coetzee è uno scettico scrupoloso, inesorabile nella sua critica del crudele razionalismo e della moralità cosmetica della cultura occidentale. La sua onestà intellettuale erode ogni base di consolazione e si distanzia dal facile dramma di rimorso e confessione. È esplorando la debolezza e la sconfitta che Coetzee cattura la scintilla divina che sta nell'uomo». A Festivaletteratura l'autore di "Elizabeth Costello" legge un suo scritto. Lo introduce Paola Splendore, del Dipartimento di Letteratura Comparate dell'Università di Roma Tre.


English version not available

cronaca  Negli scritti di J. M. Coetzee sempre le storie si interrogano sulla Storia, a volte ne sono lo specchio allegorico, lo 'Spemet' di cui parlava Primo Levi. Così anche il racconto letto dall'autore stasera, con fare e tono austero e raffinato, è una spina, un motivo disturbante di riflessione. Con Elisabeth Costello, protagonista e voce narrante, scrittrice settantaduenne, siamo trascinati in un flusso di pensieri che, come in un vortice, vanno sempre più a fondo. E pensiamo al timore di invecchiare e di accettare l'atteggiamento di chi si congela. Al peso delle parole e del linguaggio. Al 'deplorare' e al suo rapporto con la denuncia. Alla vecchia Europa, cullata dal Mediterraneo, all'Australia, agli Stati Uniti, alla loro politica internazionale e all'eventuale vergogna di abitarvi. E, naturalmente, come in un cerchio che si chiude, alla Storia, a Clio che forse è divenuta sciocca e superficiale o forse è stata rapita da una banda di teppisti che la torturano e le fanno dire cose che non intende dire.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci