DANTE NOSTRO CONTEMPORANEO


Un'idea di Dante

Palazzo D'Arco 7 settembre 2006 - h 17.00
2006_09_07_037

Il cimento con l'edizione critica della "Commedia" si è sempre presentato come un viaggio dalle difficoltà quasi sovrumane, per l'assenza di un autografo dantesco e per il ramificarsi inesauribile delle testimonianze. Federico Sanguineti ha affrontato e superato questa impresa: il testo della "Dantis Alagherii Comedia", pubblicato da Sanguineti nel 2001, si rivela in più luoghi diverso da quello della vulgata e sensibilmente mutato nella forma linguistica, restituita forse a una maggiore modernità, certo a una grande leggibilità narrativa. Incontra lo studioso il giornalista Stefano Salis.


English version not available

cronaca  Il filologo Federico Sanguineti ha tenuto il secondo incontro del ciclo "Un'idea di Dante" dal titolo "Dante nostro contemporaneo". Sanguineti propone una lettura dell'opera dantesca alternativa a quella della tradizione romantico-borghese i cui capisaldi sono Francesca, la donna apolitica, e Farinata, l'uomo politico che si erge sull'"Inferno". Laddove tra Paolo e Francesca ha luogo un doppio monologo, monologo di lei nell'inferno poiché Paolo tace, e monologo di lui nella vita con la lettura del galeotto libro, tra Dante e Beatrice nel Paradiso si ha un dialogo. Beatrice è una donna politica, che invita Dante alla politica, ad essere meco senza fine cive. Questa tradizione 'femminile' della "Commedia" e la lettura che fin dal Trecento le donne propongono dell'opera dantesca è quella che Sanguineti invita il pubblico a scoprire.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci