IL NOSTRO COMUNE FALLIMENTO

Palazzo D'Arco 7 settembre 2013 - h 10:30
2013_09_07_137

Leggendo i romanzi di Làszlò Krasznahorkai, si capisce perché Béla Tarr l'abbia eletto come suo sceneggiatore di riferimento. Così anche il pluripremiato scrittore ungherese riesce a creare mondi interi, con il suo stile originale e quasi epico, dove non mancano figure mitologiche e comuni mortali alla ricerca del senso della vita. Come in "Melancolia della resistenza", considerato il suo capolavoro e una delle opere letterarie più importanti del Novecento - da cui Béla Tarr ha tratto il film cult "Le armonie di Werckmeister" - elogiato da Imre Kertész, W.G.Sebald e Susan Sontag, che ha definito il romanzo «un'anatomia della desolazione nella sua forma più spaventosa e un commovente manuale per resistere a quella desolazione». Sul rapporto tra cinema e letteratura e anche sulla situazione politica e sociale del suo paese, dialoga con lo scrittore Francesco M. Cataluccio.

English version not available

cronaca  Non disponibile

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci