archivio festivaletteratura
8 - 12 settembre 2004

Festivaletteratura 2004

8a  edizione
56.000  presenze
220  eventi

« Esiste un 'caso Mantova?' Ad ogni settembre, con l'inizio del Festivaletteratura, la domanda torna puntuale: com'è che questa città, pigra come un gatto, aiutata da una grande ricchezza storico-artistica, ma ostacolata da un clima infernale e da una cronica carenza infrastrutturale, scodella una manifestazione di portata ormai internazionale? »
Anna Talò, "Il Giorno", 08/09/2004

Per il settimo anno consecutivo, Festivaletteratura ospita autori stranieri di altissimo livello. Vengono acclamati i premi Nobel per la letteratura Doris Lessing, John M. Coetzee e Toni Morrison (a Mantova per la seconda volta), insieme a quello per l'economia Joseph Stiglitz. Nel frattempo, narratori e bestselleristi come Mark Haddon, Azar Nafisi, Ángeles Mastretta, Alice Sebold, Edward Bunker, Ken Follett ed Eric-Emmanuel Schmitt, si alternano a figure di spicco della narrativa italiana (Antonio Tabucchi, Gianrico Carofiglio, Mauro Corona, Simonetta Agnello Hornby). L'edizione è finanche segnata dal ritorno di esponenti di punta del mondo intellettuale (Umberto Eco, Aldo Carotenuto) e da attese novità (gli interventi del linguista Tullio de Mauro, di Serge Latouche, Massimo Fini e Stefano Levi Della Torre). Una riflessione a parte meritano gli incontri dedicati alla Seconda Guerra Mondiale e alla Shoah - forti della presenza di una magnetica Helga Schneider (Il rogo di Berlino), della prolusione dello storico berlinese Joachim Fest e del dialogo a tre tra Gad Lerner, Vittorio Dan Segre e Giulio Busi.
Ma le sorprese più elettrizzanti le riservano eventi ispirati da testi e personaggi del passato, a partire dalla lettura integrale del "Baldus" di Teofilo Folengo, un classico della letteratura macaronica del Cinquecento giunto nuovamente alle stampe e interpretato per cinque giorni da un collettivo di critici, attori, letterati e gruppi scolastici locali; oppure la replica della serie per ragazzi "Ti racconto…", in cui scrittori e studiosi come Bianca Pitzorno e Piergiorgio Odifreddi vengono invitati a raccontare le biografie di illustri protagonisti della storia e delle scienze. Il tutto condito dal corteo mascherato de La Vache - che trasforma la città in un esilarante carnevale dal sapore medievale - e dagli appuntamenti per l'infanzia, con le strisce di Quino sul prato del castello di San Giorgio, le indagini di Maurizio Matrone nel ciclo "Raccontami un delitto", i disegnaconto dell'illustratore francese Pef…
Non è da meno la rassegna degli spettacoli. In una cinque giorni no-stop, gli Elio e Le Storie Tese divertono il pubblico della Cavallerizza, fronteggiano uno stuolo di adolescenti in piazza Virgiliana e chiudono la maratona con un concerto in piazza Castello; il coreografo americano Bud Blumenthal tiene due spettacoli di danza appositamente ideati per lo spazio del teatro Bibiena; la compagnia Sospeso Teatro mette in scena Il cielo degli altri, avvalendosi della regia di César Brie. Si aggiungono alla parata anche due icone della musica contemporanea (Patti Smith e Michael Nyman), capaci di esprimere al meglio lo spirito delle serate mantovane: la prima agita sogni di pace nell'anno più duro della Guerra in Iraq, accompagnata dalla chitarra di Oliver Ray e da una bandiera arcobaleno; il secondo si esibisce in una straordinaria conferenza-concerto volta ad approfondire gli stili e le correnti che più hanno influenzato le sue composizioni, con il supporto dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Da segnalare, infine, la partecipazione di Moreno Gentili e Giuseppe Cederna, che nei reading Europa e Il grande viaggio affrontano i temi delle identità viaggianti, nonché il "Progetto Nuova Drammaturgia", che porta in Italia le voci più significative del teatro tedesco contemporaneo.

In sintesi il Festival si è articolato in 220 eventi:
- 95 incontri con/su autori;
- 24 spettacoli teatrali/musicali;
- 95 incontri, spettacoli, laboratori dedicati ai bambini/ragazzi;
- 6 colazioni;
- reading, animazioni, vari.

Il Festival ha visto la partecipazione di oltre 440 tra scrittori, artisti, autori, relatori e conduttori degli incontri.

Biglietti prenotati e venduti: 48.000
Biglietti omaggio: 2.000 (sponsor, volontari, collaboratori)
Stima dei presenti su eventi gratuiti: 16.000
Pass autorità, ospiti, giornalisti: 2.000
Visite del sito www.festivaletteratura.it tra luglio e settembre: più di 150.000

Brochure programmi: 100.000
Manifesti e locandine: 7.100
Pubblicazione Cento Autori: 13.000
Cartoline: 14.000

Sono stati accreditati 100 rappresentanti di oltre 40 case editrici:
Adelphi, Ad alta voce, Archinto, Bollati Boringhieri, Bompiani, Cortina, Diabasis, Disney, E.Elle, e/o, Editoriale Scienza, Einaudi, Electa, Epoché, Fabbri, Fanucci, Fatatrac, Fazi, Feltrinelli, Frassinelli /Sperling, Garzanti, Giano, Giunti, Gruppo Longanesi, Gruppo Tropea, Il Mulino, Instar Libri, Interlinea, Iperborea, Laterza, Marsilio, Melangolo, Meltemi, Minimum Fax, Mondadori, Neri Pozza, Passigli, Piemme, Rizzoli, Scheiwiller, Sironi, Skira.

Sono stati accreditati:
144 giornalisti (quotidiani, riviste)
33 giornalisti radiofonici
24 fotografi
25 TV
15 siti internet.

Gli articoli apparsi sulla stampa nazionale da giugno ad ottobre sono stati più di 1200 (Fonte: Eco della Stampa)
I passaggi radiofonici nazionali organizzati dal nostro ufficio stampa sono stati 22, i passaggi televisivi nazionali 20 (15 Rai, 5 La7), quelli regionali 19, a queste cifre si aggiungono i passaggi televisivi e radiofonici locali e i servizi girati dalle televisioni satellitari esclusi dalla rilevazione Eco Video.

L'Organizzazione del Festival è assicurata dal lavoro volontario, non remunerato, dei seguenti organismi:
Comitato Organizzatore di Festivaletteratura: 8 persone
Associazione Filofestival: 3645 soci dei quali il 45% residenti in altre province; il Consiglio Direttivo è composto da 7 membri.

Il lavoro organizzativo si articola in:
Segreteria: 4 persone più due volontarie del Programma Gioventù della Commissione Europea per tutto il periodo dell'anno; 15 persone da giugno a ferragosto; 40 persone da fine agosto al periodo festival;
Box-office, informazioni, trasporto e accompagnamento autori, organizzazione eventi, controllo biglietti, vendita libri, accrediti, servizi vari: 800 volontari dell'Associazione Filofestival;
Ufficio Stampa: 3 professionisti e dieci volontari durante il periodo del Festival.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci