archivio festivaletteratura
7 - 11 settembre 2005

Festivaletteratura 2005

9a  edizione
56.000  presenze
211  eventi

« Rispetto alle precedenti edizioni, c'erano forse meno autori noti: ma hanno avuto il tutto esaurito anche scrittori di testi non ancora tradotti in Italia, mentre sono stati più numerosi del solito gli appuntamenti gratuiti. Accanto agli autori italiani, simpatico meticciato soprattutto con gli stranieri di confine, che hanno fatto segnare un punto a favore della globalizzazione »
Giovanni Nardi, La Nazione, 12/09/2005

Senza rinunciare alla consueta schiera di autori italiani (Massimo Carlotto, Alessandro Piperno, Tullio Avoledo, Giancarlo De Cataldo), a narratori decisamente affermati nel mondo editoriale (John Grisham, Michael Connelly, Roddy Doyle, Joe R. Lansdale, Colm Toibin) e al ritorno di aficionados come Yehoshua, Hornby, Magris e Vassalli, il festival del 2005 si misura in modo più incisivo con una produzione letteraria che guarda al mondo e alle sue criticità, riservando un'attenzione particolare alle realtà in cui l'urgenza della letteratura collima con la lotta per la libertà di espressione.
Un nome su tutti, a tale proposito, è certamente quello della reporter russa Anna Politkovskaja, assassinata un anno dopo e divenuta un'icona della lotta per la libertà di espressione; ma non sono meno rilevanti le interviste allo scrittore Nguyên Huy Thiêp - la cui opera è stata ostracizzata dal governo vietnamita - e alle giornaliste e pubbliciste irachene Inaam Kachachi e Buthaina Al Nasiri. L'impellenza del multiculturalismo trova invece conferma nella rassegna dedicata alla poesia greca contemporanea ("Ripartire da Itaca"), nei murales del poeta Muhammad Darwish e nei racconti migranti di Sandra Cisneros, mentre registrano un grande seguito anche autori poco noti al grande pubblico, come il saggista e romanziere caraibico Caryl Phillips e la storyteller sudafricana Thoko Nkoma. E se nel dialogo tra Barbara Spinelli e Khaled Fouad Allam - o nella conferenza del teorico della comunicazione Derrick de Kerckhove - vengono analizzate le molteplici sfaccettature della società globalizzata, l'impronta dell'impegno politico contrassegna pure gli spettacoli, con l'intervento di due protagonisti del '68 quali Amiri Baraka (che si esibisce in un trascinante reading-concerto) e Philip Leitch (in arte Donovan), capace di immortalare con un sound squisitamente rock le passioni e gli ideali di un'intera generazione. Caratteristiche della nona edizione sono poi le contaminazioni tra la cultura letteraria e il grande schermo, ora grazie ai docu-film di "Pagine Nascoste" - che ripercorrono la vita e le opere di autori capitali del Novecento -, ora in una serie di incontri volti a valorizzare i linguaggi del cinema e delle arti visive, che vedono avvicendarsi il regista Radu Mihaileanu ("Train de Vie") e lo sceneggiatore Frank Cottrel Boyce, illustratori come Steven Guernaccia e Nora Krug, icone del fumetto d'autore come Art Spiegelman (MAUS). Dedicati ai più piccoli sono invece i laboratori di Carll Cneut e Klaas Verplancke, come pure gli incontri con Nicola Davies e Babette Cole.
Insieme al lancio di "Qui comincia la lettura" - che nei mesi invernali vedrà il festival impegnato nella ristampa e nella promozione di un classico della letteratura su tutto il territorio nazionale -, tra le rassegne primeggiano gli eventi di "Zona critica", in cui si sperimentano divertenti inversioni di ruolo tra scrittori e critici letterari; gli appuntamenti di "Prima di spegnere la luce", con gli ospiti del festival intenti a commentare la parola della sera proposta da Piero Dorfles; e le cronache semi-serie de "Il tempo dello sport", in cui vengono ricordate le gesta e le star delle varie discipline agonistiche. Il salotto di piazza Sordello apre infine la strada a uno spazio libero d'incontro, mentre il ciclo di Blurandevù affida la conduzione delle interviste a un gruppo di giovani volontari, entrando a pieno titolo tra le formule più riuscite di Festivaletteratura.

In sintesi il Festival si è articolato in 211 eventi:
- 115 incontri con/su autori;
- 17 spettacoli teatrali/musicali;
- 75 incontri, spettacoli, laboratori dedicati ai bambini/ragazzi;
- 4 colazioni;
- reading, animazioni, vari.

Il Festival ha visto la partecipazione di oltre 450 tra scrittori, artisti, autori, relatori e conduttori degli incontri.

Biglietti richiesti: 65.000
Biglietti prenotati e venduti: 48.000
Biglietti omaggio: 2.000 (sponsor, volontari, collaboratori)
Stima dei presenti su eventi gratuiti: 10.000
Pass autorità, ospiti, giornalisti: 1.000
Visite del sito www.festivaletteratura.it tra luglio e settembre: più di 224.400.

Brochure programmi: 110.000
Manifesti e locandine: 7.500
Pubblicazione Cento Autori: 11.500
Cartoline: 14.000

Sono stati accreditati 100 rappresentanti di oltre 50 case editrici:
Adelphi, L'ancora del Mediterraneo, Archinto, Baldini Castoldi Dalai, Bollati Boringhieri, Bompiani, Corbaccio, Corraini, Crocetti, Dedalo, Donzelli, Disney, E. Elle, E/O, Editoriale Scienza, Einaudi, Epoché, Fabbri, Fanucci, Fazi, Feltrinelli, Frassinelli /Sperling, Garzanti, Giano, Giunti, Guanda, Lapis, Longanesi, Bruno Mondatori, Nottetempo, Gruppo Tropea, Instar Libri, Iperborea, Laterza, Marsilio, Mondadori, Neri Pozza, La nuova frontiera, Obarrao, Passigli, Piemme, Ponte alle Grazie, Quiquason, Rizzoli, Il saggiatore, Salani, Sellerio, Sonzogno, Stoppani, Scheiwiller, Sironi, Skira.

Sono stati accreditati:
161 giornalisti (quotidiani, riviste)
28 giornalisti radiofonici
20 fotografi
35 giornalisti televisivi
18 siti internet.

Gli articoli apparsi sulla stampa nazionale da giugno ad ottobre sono stati più di 1400 (Fonte: Eco della Stampa)
I passaggi radiofonici nazionali organizzati dal nostro ufficio stampa sono stati 28, i passaggi televisivi nazionali 8 (3 Rai, 5 La7), quelli regionali 23 (13 Rai TG Regionali, 13 circuiti privati), a queste cifre si aggiungono i passaggi televisivi e radiofonici locali e i servizi girati dalle televisioni satellitari esclusi dalla rilevazione Eco Video.

L'Organizzazione del Festival è assicurata dal lavoro volontario, non remunerato, dei seguenti organismi:
Comitato Organizzatore di Festivaletteratura: 8 persone
Associazione Filofestival: 3979 soci dei quali il 45% residenti in altre province; il Consiglio Direttivo è composto da 7 membri.

Il lavoro organizzativo si articola in:
Segreteria: 4 persone più una volontaria del Programma Gioventù della Commissione Europea per tutto il periodo dell'anno; 15 persone nel periodo da giugno a ferragosto; 40 persone fine agosto/periodo festival;
Box-office, informazioni, trasporto e accompagnamento autori, organizzazione eventi, controllo biglietti, vendita libri, accrediti, servizi vari: 650 volontari dell'Associazione Filofestival
Ufficio Stampa: 4 professionisti e novanta (redazione) volontari durante il periodo del Festival.

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci