Castello di San Giorgio, Cortile

Piazza Sordello, 40, Mantova
archivio festivaletteratura
Castello di San Giorgio, Cortile - ©Festivaletteratura

Il Castello di San Giorgio sorge nei pressi dell'omonimo ponte, all'interno del complesso monumentale di Palazzo Ducale. La costruzione, commissionata da Francesco I Gonzaga, iniziò nel 1395 ad opera di Bartolino da Novara. Il castello è in cotto, a pianta quadra con quattro torri angolari e controtorri a difesa delle tre porte munite di ponti levatoi. L'edificio coniugava perfettamente le necessità difensive e la volontà di manifestare la potenza dei signori di Mantova. Ma non restò a lungo solo una fortificazione strategica: in occasione del concilio di Mantova (1459) Ludovico II lo adibì a residenza, affidandone il riadattamento a Luca Fancelli, che conferì all'edificio un aspetto rinascimentale. Il cortile è lo spazio quadrato e porticato all'interno della fabbrica del castello. Nel 1472 Luca Fancelli, forse su progetto dello stesso Andrea Mantegna, realizzò l'elegante loggia, con porticato di ispirazione toscana, che cinge due lati del cortile. Successivamente fu decorato con diversi affreschi raffiguranti stemmi e imprese della casata. È anche possibile ammirare alcuni brani rimasti dell'ampio e fantasioso paesaggio realizzato da un anonimo, probabilemente nella prima metà del '500. L'aspetto attuale del cortile è il risultato di un lavoro di restauro degli inizi del '900.

English version not available

archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci