José Eduardo Agualusa

archivio festivaletteratura
Agualusa José Eduardo al Festivaletteratura 2017 - ©Festivaletteratura

António Lobo Antunes lo ha definito «senza ombra di dubbio lo scrittore in lingua portoghese più importante della sua generazione» e sono tante le branche della letteratura in cui José Eduardo Angalusa (Huambo, 1960) ha dato prova di eccellere, dal giornalismo alla drammaturgia e al romanzo. Angolano, ha studiato Agronomia e Silvicultura a Lisbona, iniziando a collaborare col giornale portoghese "Publico". Ben presto scopre che il giornalismo non è la sua strada maestra («credo di non essere stato granché come giornalista perché ho una grande tendenza a inventare») ma non abbandona mai definitivamente la carta stampata e redige tuttora una rubrica settimanale nel giornale brasiliano "O Globo". Il suo primo libro pubblicato in Italia è "L'incredibile e vera storia di D. Nicolau Água-Rosada" (1992); l'ultimo "Teoria generale dell'oblio" (2017), in cui la tematica della solitudine e dell'isolamento di una giovane ragazza (Ludo) è incorniciata dalla guerra angolana d'indipendenza. Nei suoi libri, tradotti in 25 lingue, Agualusa si è sempre dimostrato capace di mescolare personaggi e situazioni più che mai vivi e reali con atmosfere naturali e limpide. «Scrivo in maniera naturale, senza pensarci - ha asserito l'autore -, un po' come quando si balla in maniera naturale, perché se cominci a pensare a come fare non lo fai più». Attualmente vive tra Lisbona, Rio de Janeiro e Luanda.(foto: © Leonardo Cendamo)

António Lobo Antunes has defined him as "unquestionably the most important author writing in Portuguese of his generation" and José Eduardo Angalusa (Huambo, 1960) has excelled in many branches of literatures, from journalism and drama to the novel. From Angola, he studied agronomy and forestry in Lisbon and began working with the newspaper "Publico". He soon discovered that journalism was not for him («I think I haven't done quite so well as a journalist because I have a great tendency to invent things») but he didn't completely abandon the printed word, writing a weekly column for the Brazilian newspaper "O Globo". His first book published in Italy was "L'incredibile e vera storia di D. Nicolau Âgua-Rosada" (1992); the most recent "Teoria generale dell'oblio" (2017), in which the theme of the loneliness and isolation of a young girl (Ludo) is framed by the Angolan war of independence. In his books, which have been translated into 25 languages, Agualusa has always been able to mix characters and situations that are more alive and real than ever with natural and clear atmospheres. «I right in a natural way, without thinking about it», he asserted, «a bit like when you dance naturally, because if you start thinking about how to do it, you stop doing it». He currently lives between Lisbon, Rio de Janeiro and Luanda.(photo: © Leonardo Cendamo)

"L'incredibile e vera storia di D. Nicolau Água-Rosada", Linea d'Ombra, 1992"La congiura", Pironti, 1997"Quando Zumbi prese Rio", La Nuova Frontiera, 2003"Due storie con il mare dentro", Instituto Portugues do Livro e das Bibliotecas, 2006 "Fronteiras perdidas. Contos para viajar", Morlacchi, 2007"Il venditore di passati", La Nuova Frontiera, 2008"Borges all'inferno e altri racconti", Edizioni dell'Urogallo, 2009"Un estraneo a Goa", Edizioni dell'Urogallo, 2009"Le donne di mio padre", La Nuova Frontiera, 2010"Al posto del morto. Scrittori defunti riflettono, a partire dall'aldilà, sui tempi attuali", Edizioni dell'Urogallo, 2012"Barocco tropicale", La Nuova Frontiera, 2012"L'educazione sentimentale degli uccelli. Undici racconti su angeli, demoni e altre persone quasi normali", Edizioni dell'Urogallo, 2015"Passeggeri in transito. Nuovi racconti per viaggiare", Edizioni dell'Urogallo, 2015"La regina Ginga. E come gli africani inventarono il mondo", Lindau, 2016"Teoria generale dell'oblio", Neri Pozza, 2017
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci