Giuseppe Antonelli

archivio festivaletteratura
GIUSEPPE ANTONELLI AL FESTIVALETTERATURA 2016 - ©FESTIVALETTERATURA

Giuseppe Antonelli è nato ad Arezzo nel 1970 e insegna Linguistica Italiana presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Cassino. Collabora all'inserto "La lettura" del "Corriere della Sera" e conduce su Radio 3 la trasmissione settimanale "La lingua batte", «una sorta di osservatorio sullo stato e sull'evoluzione della lingua italiana nei suoi vari aspetti». Dal 2015 racconta storie di parole nel programma televisivo "Il Kilimangiaro", in onda la domenica su Rai 3. Tra i suoi ultimi lavori: "Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L'italiano come non ve l'hanno mai raccontato" (Mondadori, 2014), la curatela, con Matteo Motolese e Lorenzo Tomasin, della "Storia dell'italiano scritto" (Carocci, 2014), "Un italiano vero. La lingua in cui viviamo" (Rizzoli, 2016) e "Volgare eloquenza. Come le parole hanno paralizzato la politica" (Laterza, 2017).(foto: © Festivaletteratura)

Giuseppe Antonelli was born in Arezzo in 1970 and he teaches Italian Linguistics at the University of Cassino. He has long worked. Since 2013, he presents "La lingua batte", «a kind of observatory on the state and the evolution of the Italian language in all its facets» on Radio 3. Since 2015 he also works for the tv programme "Il Kilimangiaro". Among his best-latest books: "Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L'italiano come non ve l'hanno mai raccontato" (Mondadori, 2014), the three volume work "Storia dell'italiano scritto" (Carocci, 2014, with Matteo Motolese and Lorenzo Tomasin), "Un italiano vero. La lingua in cui viviamo" (Rizzoli, 2016) and the essay "Volgare eloquenza. Come le parole hanno paralizzato la politica" (Laterza, 2017).(photo: © Festivaletteratura)

"Alle radici della letteratura di consumo. La lingua dei romanzi di Pietro Chiari e Antonio Piazza", Istituto di propaganda libraria, 1996"Stil.it. Storia ipertestuale della lingua italiana" con Luca Serianni, Bruno Mondadori, 2002"Tipologia linguistica del genere epistolare nel primo Ottocento. Sondaggi sulle lettere familiari di mittenti colti", Edizioni dell'Ateneo, 2003"Trenità, ovvero Elogio dei tempi morti", PeQuod, 2003"La cultura epistolare nell'Ottocento. Sondaggi sulle lettere del CEOD (Corpus Epistolare Ottocentesco Digitale)", con Carla Chiummo e Massimo Palermo, Bulzoni, 2004"Lingua ipermedia. La parola di scrittore oggi in Italia", Manni, 2006"L'italiano nella società della comunicazione", Il Mulino, 2007"La scrittura epistolare nell'Ottocento. Nuovi sondaggi sulle lettere del CEOD", con Massimo Palermo, Danilo Poggiogalli e Lucia Raffaelli, Giorgio Pozzi editore, 2009"Ma cosa vuoi che sia una canzone. Mezzo secolo di italiano cantato", Il Mulino, 2010"Nominativi fritti e mappamondi. Il nonsense nella letteratura italiana", con Carla Chiummo, Salerno editrice, 2010"L'italiano nella società", con Danilo Poggiogalli, Edimond, 2011"Manuale di linguistica italiana. Storia, attualità, grammatica", con Luca Serianni, Bruno Mondadori, 2011 (Pearson, 2017)Luciano Ligabue, "La vita non è in rima", a cura di Giuseppe Antonelli, Laterza, 2013"Storia dell'italiano scritto" (3 v.), a cura di Giuseppe Antonelli, Matteo Motolese e Lorenzo Tomasin, Carocci, 2014"Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L'italiano come non ve l'hanno mai raccontato", Mondadori, 2014"L'Italiano, gli italiani. Norma, usi, strategie testuali", con Emiliano Picchiorri, Einaudi Scuola, 2016"Un italiano vero. La lingua in cui viviamo", Rizzoli, 2016"L'italiano nella società della comunicazione 2.0", Il Mulino, 2016"Volgare eloquenza. Come le parole hanno paralizzato la politica", Laterza, 2017
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci