Milo De Angelis

archivio festivaletteratura
DE ANGELIS MILO AL FESTIVAL LETTERATURA 2005 - ©FESTIVALLETTERATURA

Milo De Angelis vive a Milano, dove è nato nel 1951. È tra i poeti italiani più significativi della sua generazione sia per l'opera in versi che per il suo contributo al dibattito teorico sul significato della poesia. Nelle raccolte "Somiglianze" (1976), "Millimetri" (1983) e "Terra del viso" (1985) ha saputo avanzare proposte di novità e originalità formale, sostenute da una sofferta lacerazione interiore che conferisce al verso una tragica dimensione esistenziale. Il suo percorso poetico sembra poi entrare in una fase di riflessione con "Distante un padre" (1989), fino a raccolte più recenti come "Tema dell'addio" (2005, Premio Viareggio), "Incontri e agguati" (2015). Sul piano critico vanno segnalati il volume "Poesia e destino" (1982) e la pluriennale direzione di "Niebo", una delle riviste che più hanno arricchito il panorama della pubblicistica poetica in Italia, caratterizzandosi per l'estremo rigore della ricerca e del rifiuto di ogni compromesso. Di particolare interesse anche "La parola data" (2017), un libro di colloqui con giornalisti, scrittori e amici in cui vengono chiariti i temi che percorrono tutta la sua opera. Nel 2017 è uscito per Mondadori il volume "Tutte le poesie (1969-2015)". (foto: © Leonardo Cendamo)

Milo De Angelis lives in Milan, where he was born in 1951. He is among the most significant Italian poets of his generation, both for his poetry and for his contribution to the theoretical debate on the meaning of the poem. In the collections "Somiglianze" (1976), "Millimetri" (1983) and "Terra del viso" (1985), he has managed to advance new and formally original proposals, supported by a painful inner wound which lends a tragic existential dimension to his poetry. His poetry entered into a reflective phase with "Distante un padre" (1989), up until his most recent collections "Tema dell'addio" (2005, Premio Viareggio), "Incontri e agguati" (2015). In the critical context, his works include "Poesia e destino" (1982) and the long-term editorship of "Niebo", one of the magazines that has most enriched the panorama of published poetry in Italy, and thanks to the extreme rigour of its research and the rejection of every compromise. Of particular interest is "La parola data" (2017), a book of interviews with journalists, writers and friends that clarify the themes that run through all his work. The book "Tutte le poesie (1969-2015)" was published by Mondadori in 2017.(photo: © Leonardo Cendamo)

"Somiglianze", Guanda, 1976 (1990)"La corsa dei mantelli", Guanda, 1979 (Marcos y Marcos, 2011)"Poesia e destino", Cappelli, 1982"Millimetri" Einaudi, 1983 (Il Saggiatore, 2011)"Terra del viso", Mondadori, 1985"Distante un padre", Mondadori, 1989"Non solo creato", con Giovanna Sicari, Crocetti, 1990"Biografia sommaria", Centro Studi Franco Scataglini, 1997 (Mondadori, 1999)"Dove eravamo già stati. Poesie 1970-2001", Donzelli, 2001"L'amore, il vino, la morte. Epigrammi dell'antologia palatina", SE, 2005"Tema dell'addio", Mondadori, 2005"Poesie", Mondadori, 2008"Finale d'assedio", Manni, 2010"Quell'andarsene nel buio dei cortili", Mondadori, 2010"Milo De Angelis. Colloqui sulla poesia", a cura di Isabella Vicentini, BookTime, 2013"Incontri e agguati", Mondadori, 2015"La parola data (interviste 2008-2016)", Mimesis, 2017"Tutte le poesie (1969-2015)", Mondadori, 2017
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci