Gabriele Romagnoli

archivio festivaletteratura
Gabriele Romagnoli al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

Gabriele Romagnoli, scrittore e giornalista, è nato a Bologna nel 1960. Dal 1997 al '99 è stato inviato a New York per conto del quotidiano "La Stampa", occupandosi più volte della questione della pena di morte. Direttore di RaiSport, lavora come editorialista per "la Repubblica" e annovera collaborazioni con quotidiani e periodici come "Vanity Fair", "Diario" e "Avvenire". Il suo debutto nella narrativa risale al 1987, quando pubblica il racconto "Undici calciatori" all'interno di "Giovani Blues", antologia curata da Pier Vittorio Tondelli per la promozione degli autori italiani under 25. Nel '93 firma "Navi in bottiglia. 101 microracconti", a cui segue l'anno dopo "Oggetti da smarrire". Nel 1995 è la volta di "In tempo per il cielo", seguito nel '97 dal libro per ragazzi "Videocronache", nel '98 da "Passeggeri" e nel 2001 da "Louisiana blues", resoconto di viaggio in cui Romagnoli mescola aneddoti e passione per la musica, il cinema e la letteratura. Nel 2004 esce il suo primo romanzo, "L'artista", con cui si aggiudica il Premio Garda. Le opere successive continuano a rispecchiare le principali vocazioni dell'autore bolognese, siano esse prove di narrativa (Il vizio dell'amore", "Solo i treni hanno la strada segnata", "Un tuffo nella luce") o reportage ("Domanda di grazia"), con un interesse sempre vivo per il racconto di viaggio, come ben esemplificano "Non ci sono santi" (2006), itinerario attraverso l'Italia che giornali e TV non riescono a raccontare, e "Solo bagaglio a mano" (2015), in cui trolley e valigie ridotte all'osso divengono metafore di una società in continuo movimento. Nel 2016 ha pubblicato "Coraggio!". (foto: © Festivaletteratura)

Gabriele Romagnoli, a writer and journalist, was born in Bologna in 1960. For two years, from 1997 to 1999, he was sent to New York by the daily "La Stampa", dealing with the issue of death penalty. He works as an editorialist for "La Repubblica" and collaborates with periodicals such as "Vanity Fair", "Diario" and "Avvenire". He made his debut in fiction in 1987 with "Undici calciatori" within the collection "Giovani Blues" an anthology edited by Pier Vittorio Tondelli for the promotion of authors under 25. In 1993, he published "Navi in bottiglia. 101 microracconti." followed by "Oggetti da smarrire". In 1995 he published "In tempo per il cielo", followed by a children's book "Videocronache" and in 1988 "Passeggeri". "Louisiana Blues" is a book about his passion for music, cinema and literature and was published in 2001, while in 2004 his first novel was published "L'artista" for which he was awarded the Garda Prize. His following books "Solo i treni hanno la strada segnata", "Un tuffo nella luce" or "Domanda di Grazie" bear witness to his very distinctive voice. "Solo bagaglio a mano" (2015) is a metaphor for a society always on the go. In 2016 he published "Coraggio!". (photo: © Festivaletteratura)

"Undici Calciatori", in AA.VV., "Giovani Blues", Transeuropa, 1987
"Navi in bottiglia", Mondadori, 1993 (Garzanti, 2010)
"In tempo per il cielo", Mondadori, 1995
"Videocronache", Mondadori, 1997
"Passeggeri. Catalogo di ragioni per vivere e volare", Garzanti, 1998 (2000)
"Louisiana Blues", Feltrinelli, 2001
"L'artista", Feltrinelli, 2004 (66thand2nd, 2013)
"Non ci sono santi. Viaggio in Italia di un alieno", Mondadori, 2006
"Il vizio dell'amore", con DVD, Mondadori, 2007
"Solo i treni hanno la strada segnata", Mondadori, 2008
"Un tuffo nella luce", Mondadori, 2010
"Trenta racconti da Navi in bottiglia e quattro inediti. Racconti", Angolo Manzoni, 2010
"Domanda di grazia", Mondadori, 2013
"Addio al coniugato", Phasar, 2014
"Solo bagaglio a mano", Feltrinelli, 2015
"Coraggio!", Feltrinelli, 2016
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci