Michele Mari

archivio festivaletteratura
Michele Mari al Festivaletteratura 2017 - ©Festivaletteratura

Michele Mari, nato a Milano nel 1955, è filologo, poeta e scrittore. Insegna letteratura Italiana all'Università Statale di Milano ed è un cultore di fumetti e cultura pop. Nei suoi racconti e romanzi ricorrono spesso i temi dell'infanzia come momento da conservare avidamente, dell'ossessione postuma per la vita non vissuta, della letteratura come succedaneo della vita, della memoria e dei suoi meccanismi. Il suo stile letterario, estremamente composito, nella letteratura italiana trova i riferimenti più plausibili in Carlo Emilio Gadda, Tommaso Landolfi e Giorgio Manganelli; fuori dall'Italia in Louis-Ferdinand Céline (soprattutto in "Rondini sul filo"). Nel romanzo breve "Verderame", mantenendo intatte le peculiarità dei precedenti lavori, Mari adotta una struttura a investigazione con tocchi di horror e un ambiguo finale sovrannaturale. All'opera, che gli è valsa il Premio Grinzane Cavour, sono seguiti "Cento poesie d'amore a Ladyhawk" (2007), "Rosso Floyd" (2010), i micro-racconti di "Fantasmagonia" (2012), "La critica letteraria nel Settecento" (2014), "Roderick Duddle" (2014), "Asterusher", (2015, con Francesco Pernigo), "Sogni" (2017, con disegni di Gianfranco Baruchello), "Leggenda privata" (2017). (foto: Festivaletteratura)

Michele Mari, born in Milan in 1955, is a philologist, poet and writer. He teaches Italian literature at Università Statale in Milan and is a comic strip and pop culture fan. In his novels, the theme of childhood is often present, as well as youth, as a moment to cherish, the obsession of a non-lived life, of literature as a substitute for life, of memory and its mechanisms. His extremely complex literary style can be linked to that of Carlo Emilio Gadda, Tommaso Landolfi and Giorgio Manganelli and abroad in Louis-Ferdinand Céline. In the short story "Verderame", Mari adopts an investigative structure with hints of horror and an ambiguous supernatural ending. The novel won the Grinzane Cavour Prize and was followed by "Cento poesie d'amore a Ladyhawk" (2007), "Rosso Floyd" (2010), the micro-stories of "Fantasmagonia" (2012) and "Roderick Duddle" (2014) «a Dickens- style novel, set in a 19th century England» (Antonella Falco). In 2012, he translated Robert L. Stevenson's "Treasure Island" into Italian and "Return to Treasure Island" by Andrew Motion.

"Di bestia in bestia", Longanesi, 1989 (Einaudi, 2013)"Io vena pien d'angoscia a rimirarti", Longanesi, 1990 (Einaudi, 2016)"La stiva e l'abisso", Bompiani 1992 (Einaudi, 2002)"Euridice aveva un cane", Bompiani, 1993 (Einaudi, 2015)"Filologia dell'anfibio. Diario militare", Bompiani, 1995 (Laterza, 2009)"Tu, sanguinosa infanzia", Mondadori, 1997 (Einaudi, 2016)"Rondini sul filo", Mondadori, 1999"I sepolcri illustrati", Portofranco, 2000"Tutto il ferro della torre Eiffel", Einaudi, 2002"I demoni e la pasta sfoglia", Quiritta, 2004 (Il Saggiatore, 2017)"Verderame", Einaudi, 2007"Cento poesie d'amore a Ladyhawk", Einaudi, 2007"Rosso Floyd", Einaudi, 2010 (2015)"Fantasmagonia", Einaudi, 2012"La critica letteraria nel Settecento", Ledizioni, 2014 (2015)"Roderick Duddle", Einaudi, 2014 (2016)"Asterusher. Autobiografia per feticci", con Francesco Pernigo, Corraini, 2015"Sogni", disegni di Gianfranco Baruchello, Humboldt Books, 2017"Leggenda privata", Einaudi, 2017
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci