Alessandra Cristina Lavagnino

archivio festivaletteratura

Alessandra Cristina Lavagnino è professore ordinario di Lingua e Cultura Cinese presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano. Ha una lunga esperienza didattica, di traduzione e di interpretariato in Italia e in Cina, dove ha vissuto per molti anni. In particolare, dal 1994 al 1998 ha ricoperto l'incarico di Esperto Sinologo (con rango di Consigliere di Ambasciata) presso l'Ambasciata d'Italia a Pechino, come capo dell'ufficio stampa e informazione. In tale veste ha partecipato ad attività diplomatiche, redigendo documenti, informative, dossier e materiali ufficiali. Ha tradotto testi cinesi classici e moderni, fra i quali "Una canna da pesca per mio nonno" (Rizzoli, 2001) e "Il Libro di un uomo solo" (Rizzoli, 2003) del premio Nobel Gao Xingjian.

Alessandra Cristina Lavagnino teaches Chinese at Statale University in Milan. She lived in China for a long time where she studied and taught. From 1994 to 1998 she worked as Embassy Councillor at the Italian Embassy Press Office in Beijing. She has translated from Classic and modern Chinese and she authored essays and articles on Chinese language and culture. She translated the volume by Gao Xinngjan - Nobel Prize 2000 winner - "Soul Mountain".

"Cathai" (a cura di), Einaudi, 1993
Liu Xie. "Il tesoro delle lettere, un intaglio di draghi" (a cura di), Luni, 1995.
"Editoria e stampa in Cina oggi", in "La letteratura cinese contemporanea", Associazione Italia-Cina, 2000
"La riforma della pubblica amministrazione nella Cina del nuovo millennio", in "Conoscere la Cina", Fondazione Agnelli, 2001
"Sinologi d'Italia", in "Aspenia. Il tempo della Cina", 2003.
"La stampa cinese oggi, un nuovo modo di rappresentare la Cina?" in "Per capire gli altri. La Cina, un altro percorso", 2004
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci