Etgar Keret

archivio festivaletteratura
Etgar Keret al Festivaletteratura 2012 - ©Festivaletteratura

Etgar Keret è uno scrittore israeliano conosciuto per la sua produzione di racconti brevi, graphic novel e sceneggiature per film e televisione. È nato in Israele nel 1967 da genitori sopravvissuti allo sterminio nazista e vive a Tel Aviv con la moglie e il figlio. Ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti, "Pipelines", nel 1992. In Italia è stato il libro "Pizzeria Kamikaze" ad attirare l'attenzione del pubblico e della critica. Keret scrive anche per la televisione israeliana e lavora per la Ben-Gurion University of the Negev a Beer Sheva e per la Tel Aviv University. Ha ricevuto numerosi premi per la sua produzione televisiva e cinematografica: il suo film "Skin Deep" (1996) ha ricevuto premi in vari festival internazionali, come il Munich International Festival of Film School; nel 2006 "Wristcutters. A Love Story" è stato premiato al Sundance Film Festival, mentre il film "Jellyfish", diretto insieme alla moglie, ha vinto il premio Camera d'Or al Festival di Cannes del 2007.

Etgar Keret was born in Tel Aviv in 1967 to parents who survived the Nazi extermination. He published his first collection of stories Pipelines in 1992. He writes for Israeli TV and works for the Tel Aviv University School of Film. His film "Skin Deep" has won awards at several international festivals. Keret is the creator of a new literary genre characterized by short stories, now cruel, now more humorous, written in a rapid and yet never shallow style. Keret has created a style, a way of conceiving literature, alien to any kind of ideology and rhetoric. In Italy the translation of "Mi manca Kissinger" (Missing Kissinger, 1997) went nearly unnoticed, while "Pizzeria Kamikaze", just published, includes a collection of stories taken from his books "Tubi" (Pipelines), "Nostalgia per Kissinger" and "La colonia estiva di Kneller" (Kneller' s Happy Campers), focused the attention of the public and critics on this original exponent of the new Israeli literature.

"Mi manca Kissinger", Theoria, 1997
"Papà è scappato col circo", con illustrazioni di Rutu Modan, E/O, 2003
"Pizzeria kamikaze", E/O, 2003 (2004)
"Io sono lui", E/O, 2004
"Gaza blues", con Samir El-Youssef, E/O, 2005 (2007)
"Le tette di una diciottenne", E/O, 2006 (2008)
"Abram Kadabram", E/O, 2008
"La notte in cui morirono gli autobus", E/O, 2010
"All'improvviso bussano alla porta", Feltrinelli, 2012
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci