Laura Lepetit

archivio festivaletteratura
Laura Lepetit al Festivaletteratura 2016 - ©Festivaletteratura

Laura Lepetit è nata a Roma. Intellettuale ed editrice, ha conosciuto Milano all'età di dodici anni, quando la sua famiglia vi si è trasferita al seguito del padre ingegnere. Dopo aver frequentato il Liceo delle Suore Marcelline, si è laureata in Lettere moderne all'Università Cattolica di Milano. Negli anni Sessanta ha rilevato insieme ad alcune amiche la storica Libreria Milano Libri, poi ridenominata Nuova Milano Libri. In un'epoca densa di cambiamenti e rivoluzioni culturali, la sua piena adesione alle istanze del femminismo la porta dapprima a militare nel gruppo di Rivolta Femminile, fondato da Carla Lonzi, e in seguito a far parte della Libreria delle donne di Milano e del Circolo Culturale delle Donne Cicip & Ciciap. Nel 1975 fonda la leggendaria casa editrice La Tartaruga, da lei diretta fino al 1997 e rigorosamente riservata alle donne che scrivono. Sotto la sua direzione, La Tartaruga ha pubblicato centinaia di libri, portando in Italia titoli delle più grandi scrittrici del Novecento, da Virginia Woolf a Gertrude Stein, da Barbara Pym a Doris Lessing e Alice Munro. «Davanti ai libri - ha asserito in "Autobiografia di una femminista distratta" (2016) - mi sento come un cane da tartufi. Li cerco col naso, ne sento l'odore, capto i segnali che mandano e batto il terreno con il muso tra i cespugli». (foto: © Leonardo Cendamo)

Laura Lepetit was born in Rome. An intellectual and editor, she came to Milan at the age of 12, when her family moved there following her engineer father. After having attended the Liceo delle Suore Marcelline, she graduated in modern literature from the Università Cattolica di Milano. In the 1970s she founded, along with some friends, the historic bookshop Libreria Milano Libri, later renamed Nuova Milano Libri. At a time filled with cultural changes and revolutions, her support of feminism led her to the group Rivolta Femminile, founded by Carla Lonzi, and later became part of the Libreria delle donne di Milano and the Circolo Culturale delle Donne Cicip & Ciciap. In 1975, she founded the legendary publishing house La Tartaruga, which she led until 1997 was strictly limited to women writers. Under her direction La Tartaruga published hundreds of books, bringing titles from the greatest female writers of the 20th century to Italy, from Virginia Woolf, Gertrude Stein and Barbara Pym to Doris Lessing and Alice Munro. «When in front of books - she said in "Autobiografia di una femminista distratta" (2016) - I feel like a truffle dog. I search them out with my nose, I can smell them, pick up the signals that they send and says the ground with my nose among the bushes.»(photo: © Leonardo Cendamo)

"Italiane duemilaquattro. Nuove voci della narrativa italiana", a cura di Laura Lepetit e Matteo B. Bianchi, La Tartaruga, 2007"Autobiografia di una femminista distratta", Nottetempo, 2016
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci