Luca Molinari

archivio festivaletteratura
Luca Molinari al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

Storico e critico dell'architettura, classe 1966, vive a Milano ed è professore associato presso la Facoltà di Architettura 'L. Vanvitelli' della Seconda Università degli Studi di Napoli. Curatore di mostre ed eventi in Italia e all'estero, ha collaborato con "Lotus", "Abitare", "Domus", "Archis", "L'architecture d'aujourd'hui", "A+U". Attualmente collabora con il "Corriere della Sera" e "La Stampa", oltre a curare la rubrica di architettura per "L'Espresso". Dal 1995 è responsabile editoriale per il settore Architettura e Design della casa editrice Skira e dal 2007 è responsabile scientifico di "FMG Spazio per l'architettura contemporanea". Tra il 2001 e il 2004 è stato responsabile scientifico per l'architettura e l'urbanistica della Triennale di Milano. Collabora come consulente alla qualità dell'architettura con numerosi enti pubblici e privati. Nel 2010 ha curato il Padiglione Italiano in occasione della XII Biennale di Architettura Venezia. Dal 2012 è membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del MiBac. Ha ricevuto il Premio 'Ernesto Nathan Rogers' per la critica e la comunicazione d'architettura della X Biennale d'Architettura e l'UIA Jean Tschumi Prize for Critic. Tra le sue ultime pubblicazioni: "Terre perse. Viaggio nell'Italia del dissesto e della speranza" (2015), scritto con Marta Gerardi e Raul Pantaleo, "Milano. Porta Nuova" (2015) e "Le case che siamo" (2016).(foto: © Festivaletteratura)

Architectural historian and critic, born in 1966, he lives in Milan and is a Professor at the architecture department 'L. Vanvitelli' at the Seconda Università degli Studi di Napoli. Curator of exhibitions and events in Italy and abroad, he has worked with "Lotus", "Abitare", "Domus", "Archis", "L'architecture d'aujourd'hui", "A+U". He currently contributes to "Corriere della Sera" and "La Stampa", as well as editing the architecture section for "L'Espresso". Since 1995, he has been in charge of the architecture and home design section for the publisher Skira and he has been scientific director of "FMG Spazio per l'architettura contemporanea" since 2007. Between 2001 and 2004, he was scientific director for architecture and urban planning at the Triennale di Milano. He works as an architectural consultant for many public and private companies. In 2010, he curated the Italian pavilion at the XII Venice Architecture Biennale. Since 2012, he has been a member of the MiBac Council for cultural and natural heritage. He received the Premio 'Ernesto Nathan Rogers' for the criticism and communication of architecture at the X Biennale d'Architettura and the UIA Jean Tschumi Prize for Critics. Among his most recent publications are: "Terre perse. Viaggio nell'Italia del dissesto e della speranza" (2015), written with Marta Gerardi and Raul Pantaleo, "Milano. Porta Nuova" (2015) and "Le case che siamo" (2016).(photo: © Festivaletteratura)

"Barcellona. Architetture e spazi urbani 1975-1992", Città Studi, 1992"Santiago Calatrava", Skira, 1998"Tendenze dell'architettura nordamericana. Gli anni Novanta", Skira, 2001"Piero Portaluppi. Linea errante nell'architettura del Novecento", a cura di Luca Molinari, Skira, 2003"Massimiliano Fuksas. 1970-2005", Skira, 2005"Reggio Emilia. Scenari di qualità urbana", Skira, 2007"Italo Rota. Projects, works and visions. 1997-2007", a cura di Luca Molinari, Skira, 2008"Continuità and crises. Ernesto Nathan Rogers and Italian post war architecture culture", Delft, 2008"Architetture resistenti. Per una bellezza civile e democratica", con Marta Gerardi e Raul Pantaleo, Becco Giallo, 2013"Lo studio BBPR e Milano", con Paolo Brambilla e Stefano Guidarini, Abitare Segesta, 2014"Terre perse. Viaggio nell'Italia del dissesto e della speranza", con Marta Gerardi e Raul Pantaleo, Becco Giallo, 2015"Milano. Porta Nuova", Skira, 2015"Le case che siamo", Nottetempo, 2016
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci