Martì Guixé

archivio festivaletteratura
Martì Guixé al Festivaletteratura 2015 - © Festivaletteratura

«Martí Guixé – ha scritto su "Domus" Brigitte Rambaud – ha una formazione che accomuna ogni buon progettista, con un ricco curriculum accademico e lavori realizzati per marchi importanti. Ma al pari dei rivoluzionari del nostro tempo, cresciuti in seno alle istituzioni che li hanno formati, egli sovverte il design lavorando sulla materia viva, che può essere trasformata e decomposta, in un'ibridazione tra antropologia, umorismo, gastronomia, tipografia, scienze umane e naturali, performance e design» ("Domus Magazine" n. 799, dicembre 1997). Classe 1964, originario di Barcellona – dove ha studiato Interior design e Industrial design alla Scuola Politecnica di Design –, Guixé vive e lavora tra Berlino e la Catalogna, dedicandosi all'invenzione di «brillanti e semplici idee animate da una curiosa serietà». Ideatore del food design, disciplina che «rende possibile pensare il cibo come un prodotto progettato commestibile, un oggetto che nega ogni riferimento alla cucina, alla tradizione e alla gastronomia», si definisce «ex-designer» e lavora per aziende quali Alessi, Camper, Chupa-Chups, Desigual, Droog Design, Saporiti e Danese. Ha esposto al MoMA di New York, al Design Museum di Londra, al MACBA di Barcellona e al Centre Pompidou di Parigi.(foto: Festivaletteratura)

«Martí Guixé – as Brigitte Rambaud wrote in "Domus" – boasts a training common to all designers, with a rich academic background and projects designed for important brands. But he is also revolutionary; he likes hybridization between anthropology, humour, gastronomy, human and natural sciences, performance and design» ("Domus Magazine" n. 799, 12/1997). Born in 1964 in Barcelona where he studied Interior Design and Industrial Design at the Polytechnic School of Design, he now lives between Berlin and Catalonia. Creator of food design, "a discipline allowing to think of food as an edible product, an object denying all references to cooking, tradition and gastronomy", he works for companies such as Alessi, Camper, Chupa-Chups, Desigual, Droog Design, Saporiti and Danese. He exhibited his works at MoMA in New York, at the Design Museum in London, at MACBA in Barcelona and Centre Pompidou in Paris.

"Toy Weapons. User Manual", Corraini, 2005"Blank Book", Corraini, 2007Tattoo Book", Corraini, 2008"Un Sedicesimo 7a. A typex pixel", Corraini, 2008"Food Designing", fotografie di Inga Knölke, Corraini, 2010"Food Book", Corraini, 2011"Biblio-clip", Corraini, 2011"R&D Book", Corraini, 2012"Cake Book", Corraini, 2013"Transition Menu. Reviewing creative gastronomy", Corraini, 2013"Face to Face Book", Corraini, 2014"Bicycle Book", Corraini, 2015
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci