Elisabetta Bucciarelli

archivio festivaletteratura
Elisabetta Bucciarelli al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

Narratrice e drammaturga, Elisabetta Bucciarelli ha scritto per il teatro, il cinema e la televisione. Diplomata presso il Laboratorio di Scrittura Drammaturgica del Piccolo Teatro di Milano, esordisce ventenne con il testo "Forte come un toro". Nel 1990 è co-sceneggiatrice del cortometraggio di Roberta Torre "Tempo da buttare", premiato al festival di Edimburgo nello stesso anno. Nel 1996 scrive il soggetto e la sceneggiatura del mediometraggio "Amati Matti", con la regia di Daniele Pignatelli e attore protagonista Giuseppe Battiston: il film partecipa alla 53° Biennale del Cinema di Venezia, ottenendo una menzione speciale della giuria. In seguito è consulente alla sceneggiatura del cortometraggio "Fame chimica" e soggettista e sceneggiatrice del mediometraggio "Liberi tutti". Dal 2004 è autrice di format televisivi, ha scritto alcuni noir d'arte per "ArtNews" (Rai Educational) e collaborato agli approfondimenti culturali di "Booksweb.tv". Con il romanzo "Happy Hour", nel 2005 inaugura la serie di gialli che ha come protagonista l'ispettrice milanese Maria Dolores Vergani, culminata nel 2013 con "Dritto al cuore". Ha firmato numerosi racconti, distribuiti tra quotidiani (italiani e stranieri) e antologie. Nel 2013 torna al teatro firmando "L'etica del parcheggio abusivo". Di lì a poco pubblica un saggio sul mestiere del narratore ("Scrivo dunque sono") e, nel 2015, il romanzo "La resistenza del maschio". Per l'editore Caracò ha curato nel 2017 l'antologia di racconti "L'uomo nero. Stereotipi maschili raccontati dalle donne". (foto: © Festivaletteratura)

A writer and playwright, Elisabetta Bucciarelli wrote for the theatre, cinema and television. She studied at the Laboratorio di Scrittura Dramaturgia of Piccolo Teatro di Milano, she made her debut when she was twenty with the play "Forte come un toro". In 1990, she co-directed the short film by Roberta Torre "Tempo da buttare" which was awarded a prize in Edinburgh the same year. In 1996, she wrote the plot and screenplay of the medium-length film "Amati Matti" directed by Daniele Pignatelli and the actor Giuseppe Battistoni. The film received a special mention by the jury of 53rd Cinema Biennale in Venice. Since 2004, she has been scriptwriting for TV. In 2005, she started the mystery books with the Milanese protagonist Maria Doloers Vergani, with the famous "Dritto al cuore" (2013). She wrote several short stories published in newspapers and anthologies. In 2013, she went back to theatre with "L'etica del parcheggio abusivo". Then she published the essay on writing "Scrivo dunque sono" (2014) and, in 2015, the novel "La resistenza del maschio". For Caracò she edited "L'uomo nero. Stereotipi maschili raccontati dalle donne", an anthology of short stories. (photo: © Festivaletteratura)

"Io sono quello che scrivo. La scrittura come atto terapeutico", Calderini, 1998"La professione della scrittura. Come trasformare una passione in un mestiere di successo", Il Sole 24 Ore Edagricole, 2001"Happy hour", Mursia, 2005"Femmina de luxe", Perdisa Pop, 2008 (Feltrinelli Zoom, 2013)"Io ti perdono", Kowalski, 2009"Ti voglio credere", Kowalski, 2010"Corpi di scarto", Edizioni Ambiente, 2011"L'etica del parcheggio abusivo. Con l'adattamento di S. Ferrentino", Feltrinelli, 2013"Dritto al cuore", E/O, 2013"Scrivo dunque sono. Trovare le parole giuste per vivere e raccontarsi", Ponte alle Grazie, 2014"La resistenza del maschio", NN Editore, 2015AA.VV., "L'uomo nero. Stereotipi maschili raccontati dalle donne", a cura di Elisabetta Bucciarelli, Caracò, 2017
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci