Francesco Sorti

archivio festivaletteratura
Francesco Sorti al Festivaletteratura 2015 - ©Festivaletteratura

I nomi di Rita Monaldi e Francesco Sorti, compagni di lavoro e marito e moglie nella vita, sono senza dubbio legati a uno dei più singolari casi editoriali degli ultimi decenni. Nel 2002 gli autori - che vivono tra Roma e Vienna - pubblicano in Italia il loro primo, raffinato giallo storico, "Imprimatur". Il romanzo, elaborato dopo meticolose ricerche presso gli archivi vaticani e l'Archivio di Stato di Roma, ha come protagonista l'abate Atto Melani (1626-1714) - diplomatico e spia nelle corti europee del suo tempo - e lascia trapelare inedite rivelazioni sulla figura papa Innocenzo XI, tracciando un avvincente affresco della politica e della cultura dell'età barocca. Nonostante lo straordinario successo delle prime edizioni, nell'arco di pochi mesi il volume non viene più ristampato e scompare, di fatto, dal mercato librario italiano. Tutt'altra cosa all'estero, dove sale in testa alle classifiche dei bestseller negli oltre quarantacinque paesi in cui viene pubblicato, raccogliendo dappertutto ottimi giudizi critici. Oltre a Imprimatur", ristampato in italiano dall'editore olandese De Bezige Bij nel 2009 e, nel 2015, nuovamente in Italia da Baldini & Castoldi, la coppia ha firmato nel 2004 "Secretum" e nel 2006 "Veritas" (presentato nell'ottobre dello stesso anno alla Fiera del Libro di Francoforte). Al 2005 risale la curatela de "I segreti dei conclavi" dell'abate Atto Melani.

English version not available

"Imprimatur", Mondadori, 2002 (De Bezige Bij, 2009)"Secretum", De Bezige Bij, 2005"Veritas", De Bezige Bij, 2006"Imprimatur", Baldini & Castoldi, 2015
archivio festivaletteratura
Il patrimonio dell'archivio è in fase di catalogazione, non tutto è disponibile sul sito. Se non trovi ciò che cerchi, contattaci