Arigliano, Nicola

Persona

Dopo una precoce educazione musicale si trasferisce a Milano dove suona sax, batteria e contrabbasso. Studia nel frattempo composizione con il maestro Corradini. Ha occasione di incontrare musicisti importanti nell'ambiente del jazz come Renato Sellani, Franco Cerri, Gianni Basso, Oscar Valdambrini e tanti altri.Inizia a cantare in ritardo, quasi per caso, incoraggiato dai colleghi più lungimiranti. Il repertorio di Nicola Arigliano va dallo swing italiano ed americano degli anni '30, '40, '50 e '60, a tutta una serie di canzoni grottesche tipiche del suo personaggio, che ne hanno fatto e caratterizzato il repertorio. Per 27 anni è il testimonial dell'amaro Antonetto in numerosi spot radio-televisivi. Inizia anche la carriera di attore, come soldato Giardino nel film "La grande guerra" di Mario Monicelli e in diverse trasmissioni tv. Alla fine degli anni Cinquanta partecipa a Canzonissina e al Cantatutto. Nel 1964 va al Festival della canzone di Sanremo con "Venti chilometri al giorno" di Mogol-Massara. Le sue interpretazioni di "Permette signorina", "Amorevole", "I sing amore", "È solo questione di tempo" di Pino Massara, con i versi di Pallavicini o Giorgio Calabrese, lo portano al successo. Arigliano si distingue anche con le personalissime versioni di "cover" italiane, da "Arrivederci" di Umberto Bindi a "Jessica" di Bruno Martino. Nicola Arigliano, con il suo c.d. "I sing ancora" ha vinto il Premio Tenco 1996, davanti ad artisti del calibro di Mina, Ornella Vanoni, Ivano Fossati, Gino Paoli ed Adriano Celentano.

After an early musical education he moved to Milan where he played the saxophone, drums and double bass. Meanwhile he studied composition with maestro Corradini. He had the opportunity to meet jazz leading figures such as Renato Sellani, Franco Cerri, Gianni Basso, Oscar Valdambrini and many others. A late-starting singer, almost by chance, he was encouraged by more far-sighted colleagues. Nicola Arigliano's repertoire ranges from 1930's, 40's, 50's and 60's Italian and American swing, to a whole series of grotesque songs so typical of him, which made his repertoire so distinctive. He has been the endorser for Antonetto bitters in a number of radio and TV commercials. He also started his career as an actor, playing private Giardino in the film "La Grande Guerra" by Mario Monicelli and in several TV programmes. At the end of the 50's he took part in Canzonissima (a song contest) and Cantatutto (another song programme). In 1964 he took part in Festival della Canzone di Sanremo (Sanremo song contest) with the song "Venti chilometri al giorno" (Twenty kilometres a day) by Mogol-Massara. His interpretations of "Permette Signorina", "Amorevole" , "I sing amore" , "E' solo questione di tempo" by Pino Massara and lyrics by Pallavicini or Giorgio Calabrese made him very successful. Arigliano also stands out for his very distinctive versions of Italian covers such as "Arrivederci" by Umberto Bindi and "Jessica" by Bruno Martino. Nicola Arigliano, with his compact disc "I sing ancora" , won the 1996 Tenco Prize, competing with very high caliber artists including Mina, Ornella Vanoni, Ivano Fossati, Gino Paoli and Adriano Celentano.

Bibliografia

"I grandi successi di Nicola Arigliano", Disky, 1998
"Nicola Arigliano. My name is Pasquale", con CD-Audio, Ernesto De Pascale, Michele Manzotti, Nuovi Equilibri, 2003