Morandi, Albano

Persona

Nato a Salò nel 1958 Albano Morandi vive e lavora a Raffa di Puegnago (Brescia). Si è diplomato in Scenografia presso l'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 1984 inaugura la sua prima mostra personale al Centro d'Arte Santelmo di Salò. Nel 1986 è invitato alla IX Quadriennale di Roma ed inizia la serie delle sue esposizioni personali in gallerie italiane e straniere. Alla XII Quadriennale di Roma del 1996 espone "Officium", una imponente installazione a parete formata da una moltitudine di oggetti pittorici accompagnati da sei sculture disposte in fila su un basamento. In quegli stessi anni comincia la serie di opere "Gesti Quotidiani": piccoli oggetti riciclati come vecchie cornici, lavagnette, quaderni ritrovati, scatole vuote in legno o cartone, che lui raccoglie, conserva e rielabora portandoli a vita nuova. Nel 2000 vince il primo premio ex-aequo al 40° Premio Nazionale d'Arte Suzzara. Ha tenuto oltre 150 mostre nelle principali città europee, in Asia e negli Stati Uniti. Da oltre quindici anni cura mostre per conto della Provincia di Brescia e di altri Enti. È docente della cattedra di Scenografia presso la Libera Accademia di Belle Arti di Brescia.

English version not available

Bibliografia

Mario Quesada, "Albano Morandi", Nuovi strumenti, 1987
Jose Pierre, Mauro Panzera, "Albano Morandi. Opere 1989-1992", Nuovi strumenti, 1992
Luca Maria Venturi, "Albano Morandi. Kamikaze", Tribeca Art Gallery, 1994
Flaminio Gualdoni, "Albano Morandi. Trash", Galleria Giulia, 1996
"Romolo Romani", a cura di Silvia Evangelisti, Renzo Margonari, Albano Morandi, Museo d'arte moderna, 1998
Paola Jori, "Albano Morandi. Catalogo", Nicolodi, 2001
"Manifesto per un dadaismo ludico lirico", La compagnia della stampa, 2006
Lucio Pozzi, "Albano Morandi. La passione delicata / The delicate passion", La compagnia della stampa Massetti Rodella, 2008

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana