Hamilton, Hugo

Persona

Hugo Hamilton, nato a Dublino nel 1953 è uno dei maggiori scrittori contemporanei. La madre, tedesca, trasferitasi in Irlanda in seguito al matrimonio, e il padre, figura austera e autoritaria, fervente militante nazionalista segnarono indelebilmente il carattere e il modo di sentire del giovane Hugo. L'intransigenza nazionalistica del padre che non permetteva ai figli di esprimersi in inglese, ma solo in gaelico o in tedesco, fu avvertita da Hamilton come una vera e propria sfida. Così Hugo cresce barcamenandosi tra tre idiomi, che non sentirà mai come effettivamente suoi. Dopo gli studi, Hamilton diventa giornalista e scrittore di racconti e romanzi, fra i quali ricordiamo: "Surrogate City" (1990), "The Last Shot" (1991), "The Love Test" (1995), "Headbanger" (1996), "Sad Bastard" (1998) e "Sucking Diesel" (2002). Il problema di questa sua schizofrenia idiomatica e la difficile costruzione soggettiva del mondo che ne deriva, viene riproposta nel romanzo autobiografico "Il cane che abbaiava alle onde".

English version not available

Bibliografia

"Lo scoppiato", Cronopio, 2000
"Il cane che abbaiava alle onde", Fazi, 2004 (2005)
"L'ultimo sparo", Fazi, 2006
"Il marinaio nell'armadio", Fazi, 2007
"La maschera", Fazi, 2009