Stoichita, Victor I.

Persona

Victor Ieronim Stoichita al Festivaletteratura 2017 - ©Festivaletteratura

Victor Ieronim Stoichita è un critico d'arte rumeno. Nelle sue monografie ha studiato diffusamente l'arte italiana e spagnola, l'ermeneutica dell'opera d'arte e il rapporto tra spettatore e immagine. È nato a Bucarest nel 1949 e a Roma è stato allievo di Cesare Brandi. Ha insegnato presso varie istituzioni internazionali (l'Institute for Advanced Study di Princeton, il Getty Research Institute di Los Angeles, il Wissenschaftskolleg di Berlino, la Bibliotheca Hertziana del Max-Planck-Institut di Roma) ed è stato Visiting Professor presso l'Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, la Scuola di Studi Umanistici di Bologna e la Harvard University. Dal 1991 insegna Storia dell'arte all'Università di Friburgo.(foto: © Giovanni Giovannetti - Effigie)

English version not available

Bibliografia

"L'invenzione del quadro", Il Saggiatore, 1998 (2013)"Breve storia dell'ombra", Il Saggiatore, 2000 (2015)"Gli (auto)ritratti di Manet e di Degas. Evaporazione e/o centralizzazione", Compositori, 2002"Cieli in cornice. Mistica e pittura nel Secolo d'Oro dell'arte spagnola", Meltemi, 2002"L'ultimo carnevale", con Anna Maria Coderch, Il Saggiatore, 2002"L'effetto Pigmalione. Breve storia dei simulacri da Ovidio a Hitchcock", Il Saggiatore, 2006"L'effetto Sherlock. Occhi che osservano, occhi che spiano, occhi che indagano. Storia dello sguardo da Manet a Hitchcock", Il Saggiatore, 2017