Chevillard, Éric

Persona

Salutato come «uno dei più originali e innovativi autori della nuova scena letteraria francese» (The Times), Éric Chevillard nasce nel 1964 a La Roche-sur-Yon, nel dipartimento della Vandea. Infanzia e adolescenza scorrono per lui felici e senza nessun evento eccezionale degno di nota; anche il passaggio alla narrativa, mentre frequenta l'École supérieure de journalisme de Lille, non è segnato da alcun segno particolare, se non quello di un vulcanico e prolifico talento. Dal 1987 a oggi, con la rinomata casa editrice Les Éditions de Minuit, dà alle stampe oltre venti lavori e ottiene moltissimi riconoscimenti per l'insieme della sua opera: dal Prix Fénon con La nébuleuse du crabe al Prix Welper con Le Vaillant Petit Tailleur, passando per il Roger-Callois, il Virilio e il Vialatte. I suoi testi sono caratterizzati da un taglio sperimentale e surreale, orgogliosamente sognante e metaletterario, a tal punto da spingersi fino alla decostruzione della struttura stessa della narrazione come nel caso di Sul riccio, pubblicato nel 2019 in Italia da Prehistorica Editore. Tra un libro e l'altro, scrive sulle colonne del suo seguitissimo blog letterario, L'Autofictif.

Bibliografia

Sul soffitto, Del Vecchio, 2015

Palafox, Del Vecchio, 2018

Sul riccio, Prehistorica Editore, 2019

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana