Wolitzer, Meg

Persona

Meg Wolitzer al Festivaletteratura 2019 - ©Festivaletteratura

La statunitense Meg Wolitzer è nata a New York e ha nutrito fin dall'infanzia un forte fascino per la lettura, seguendo le orme della madre scrittrice Hilama Wolitzer. Ha pubblicato il suo primo romanzo, Sleepwalking, nel 1982, ancor prima di terminare gli studi superiori e di iscriversi alla Brown University. Oggi è autrice di numerosi successi, tra cui The Wife (2003), caustica rappresentazione di una coppia di scrittori, del jet set letterario americano e del talento nascosto dietro le apparenze, che viene trasposta al cinema nel 2017 da Björn Runge, con Glenn Cloose (candidata all'Oscar per la sua interpretazione) e Jonathan Pryce nella parte dei protagonisti. I suoi lavori ruotano spesso intorno alla vita di donne che pur avendo alle spalle una solida realtà familiare, un'ottima occupazione o un grande sogno da perseguire, si ritrovano a confrontarsi con amare disillusioni e a dover compiere scelte cruciali. Come già in The Wife, anche in La verità delle donne (2019) la sua prosa sostiene storie di passioni travolgenti, banali tradimenti e tristi rese dei conti grazie a dialoghi brillanti e battute al vetriolo. A questa produzione va aggiunto anche il costante interesse di Wolitzer verso la narrativa per adolescenti, culminato in libri come Caribou (1985), The Dream Book (1986), Quando tutto era possibile (The Fingertips of Duncan Dorfman, 2011) e Quello che non sai di me (Belzhar, 2014), dove ha immaginato «un mondo che celebra il sacro potere della scrittura e della lettura» (The New York Times).
(foto: © Basso Cannarsa)

Bibliografia

Sonnambulismo, Mondadori, 1983

La posizione, Garzanti, 2006

La stagione delle cattive madri, Garzanti, 2010

La città delle ribelli, Garzanti, 2012

Quando tutto era possibile, Garzanti, 2014

Quello che non sai di me, Il Castoro, 2016

The Wife. Vivere nell'ombra, Garzanti, 2018

La verità delle donne, Garzanti, 2019 (in uscita)