Cito, Francesco

Persona

Francesco Cito al Festivaletteratura 2019 - ©Festivaletteratura

Nato a Napoli nel 1949, si dedica alla fotografia dai primi anni Settanta. Nel 1975 viene assunto dal settimanale di musica pop-rock Radio Guide, gira in lungo e in largo l'Inghilterra e fotografa concerti e personaggi della musica leggera. Inizia poi a collaborare come freelance col Sunday Times e l'Observer. Nel 1980 è uno dei primi fotoreporter a raggiungere clandestinamente l'Afghanistan occupato dall'Armata Rossa, fornendo le prime documentazioni fotografiche del sanguinoso conflitto. Tornato a Napoli, firma nei primi anni Ottanta un reportage sulla camorra che viene ripreso e pubblicato dalle maggiori testate giornalistiche nazionali ed estere. Nel 1983 è inviato sul fronte libanese da Epoca e segue il conflitto in atto fra le fazioni palestinesi; fino al 1989 testimonia poi le vari fasi della guerra civile libanese. In Palestina documenta tutte le fasi della prima e della seconda Intifada (1987-1993 e 2000-2005) e resta ferito per tre volte durante gli scontri. Nel 1994 realizza per il tedesco Stern un reportage sui coloni israeliani oltranzisti. Nell'aprile 2002, è tra i pochi ad entrare nel campo profughi di Jenin, sotto coprifuoco durante l'assedio israeliano. Nel 1989 è inviato in Afghanistan dal Venerdì di Repubblica e ancora clandestinamente a seguito dei Mujahiddin per raccontare la ritirata sovietica. Nei primi anni Novanta è anche al seguito dell'esercito americano dopo l'invasione irachena del Kuwait: segue tutta l'operazione "Desert Storm" e la liberazione del Kuwait nel 1991. Nei suoi viaggi attraverso il Medio Oriente, in più occasioni ha focalizzato il suo interesse a raccontare i vari aspetti dell'Islam dal Pakistan al Marocco. Sempre negli anni Novanta segue le varie fasi dei conflitti balcanici e nel 2000 realizza in Albania un reportage sul Kanun. Il suo reportage sul Palio di Siena gli vale il primo premio al World Press Photo nel 1996. Dagli anni Duemila a oggi ha realizzato molti altri lavori, confermandosi uno dei grandi protagonisti della fotografia contemporanea.

Bibliografia

In costruzione

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana