Basilico, Gabriele

Persona

Gabriele Basilico è stato uno dei più noti fotografi documentaristi europei. Dopo la laurea in Architettura si è dedicato alla fotografia, impegnandosi in progetti individuali e collettivi in molte città europee (da Milano a Trieste, Genova, Barcellona, Berlino, Madrid, Parigi, Zurigo, Lisbona, Bilbao ecc.). Le sue foto sono esclusivamente in bianco/nero e suoi campi d'azione privilegiati sono il paesaggio industriale e le aree urbane. I suoi studi di architettura lo avvicinano all'ambiente dell'editoria di settore, per cui realizza su commissione un ampia serie di lavori. Si è dedicato sopratutto a ricerche sulle aree urbane, sul territorio, sull'architettura commissionate da privati ed enti pubblici. Nel 1984 e 1985 è stato invitato dal governo francese a far parte del gruppo di noti fotografi impegnati nella Mission Photographique de la DATAR a documentare le trasformazione del paesaggio transalpino. Ma il suo primo impegnativo lavoro risale al 1982, quando realizza un ampio reportage sulle aree industriali milanesi intitolato: "Ritratti di fabbriche" (Sugarco). Da allora seguono anni di intenso lavoro in cui si alternano commissioni pubbliche e ricerche sul territorio che sono state raccolte in libri culto come: "Italia & France" (Jaca Book), "Bord de Mer" (AR/GE Kunst), "Porti di Mare" (Art&), "Paesaggi di Viaggi" (AGF), "Scambi" (Peliti), "L'esperienza dei luoghi" (Art&) fino all'esperienza sconvolgente della serie realizzata nella martoriata Beirut ("Basilico Beirut", 1994). Si è spento a Milano il 13 febbraio 2013.

He was one of the most famous European documentary photographers. After graduating in Architecture, he devoted himself to photography, carrying out both personal and collective projects in many European cities (from Milan to Trieste, Genoa, Barcelona, Berlin, Madrid, Paris, Zurich, Lisbon, Bilbao). He only took black and white pictures and his favourite subjects are industrial landscapes and urban areas. His architecture background drew towards specialized publishing houses for which he has carried out several projects. He carried out research on urban areas, on land and on architecture commissioned both by private and public companies. In 1984-85 he was invited by the French Government to join a group of famous photographers involved in the "Mission Photographique de la DATAR" to document the transalpine landscape transformation. But his first project dates back to 1982, when he carried out a reportage on Milan's industrial areas called "Portraits of Factories". Since then, he has been busy working on public commissions and land research that have appeared in cult books such as "Italia & France" (Jaca Book), "Bord de Mer" (AR/GE Kunst), "Porti di Mare" (Art&), "Paesaggi di Viaggi" (AGF), "Scambi" (Peliti), "L'esperienza dei luoghi" (Art&), until the disturbing experience of a series shot in a ravaged Beirut ("Basilico Beirut", 1994). He died in Milan the 13th of february 2013.

Bibliografia

"Attraversare Bergamo. Un viaggio fotografico", con Giacinto Di Pierantonio e Vanni Zanella, Bolis, 1998
"City Scapes", Baldini Castoldi & Dalai, 1999
"Berlino" con Hans Ulrich Obrist, Baldini Castoldi & Dalai, 2001
"Bord de mer" con Bernard Latarjet, Baldini Castoldi & Dalai, 2003
"Beirut 1991" con Francesco Bonami e Dominique Edde, Baldini Castoldi & Dalai, 2003
"Scattered city", Baldini Castoldi & Dalai, 2005
"Gabriele Basilico. Photo books, 1978-2005", Corradini, 2006