03/09/2003

LA GRANDE BRETÈCHE


2003_09_03_002

Evento ripetuto


Dal racconto di Honorè de Balzac prima assoluta Lo spettacolo prende spunto da un breve racconto «noir» di Balzac: la terribile tragedia di un «triangolo» (lui, lei, l'amante spagnolo di lei), che ha come sfondo la profonda, inquieta solitudine di una giovane donna costretta a vivere in segreto una breve e drammatica storia d'amore con un prigioniero da lei nascosto all'interno della «Grande Bretèche», una tenuta di campagna della provincia francese. Uno spettacolo di marionette, attrici e multimedialità, con musiche di Gluck, Kurtàg, Rota, Saint-Saëns.
 La Fede delle Femmine: Margherita Beato, Margot Galante Garrone, Paola Pilla


English version not available

Italiano

Il Gran Teatrino La Fede delle Femmine prende un racconto di Honoré de Balzac e ne fa uno spettacolo che intreccia diverse dimensioni artistiche e spaziali. L'episodio noir prescelto, che ha come protagonista una donna divisa fra marito e amante - scoperta dal primo e disperata per la sorte tragica del secondo - incontra e sovrappone le arti visive (immagini e filmati in bianco e nero e a colori), lo spessore musicale delle musiche di Gluck, Kurtàg, Rota e Saint-Saens e la tridimensionalità delle marionette. Nel buio totale dell'Atrio degli Arcieri di Palazzo Ducale, si articola quindi uno spettacolo che gioca sul ritmo; raccontando prima la trama con un semplice filmato ad inquadratura fissa, e poi sviluppandone i contenuti, coinvolgendo occhi ed orecchie e lasciando molto spazio all'immaginazione di ogni spettatore. Margherita Beato, Margot Galante Garrone e Paola Pilla offrono così, in prima assoluta, una loro particolare interpretazione dei lati cupi di Balzac.

1Luoghi collegati

1Enti correlati