04/09/2003

PER FARE POESIA CI VUOL LA POESIA?


2003_09_04_051

incontro-laboratorio per adulti


Tutti poeti? Sì e no. Più semplicemente, tutti capaci di scoprire poesia, tenerla in tasca (e in mente), leggerla anche ad alta voce, esplorarla, cantarla, e con essa arricchire di immaginazione la realtà che ci circonda. Con proiezione di video di poesia.


English version not available

Italiano

La platea è ristretta, poco più di venti persone in una saletta del Palazzo Del Mago. Non poteva essere diverso, trattandosi non di una conferenza ma di un laboratorio sulla poesia. Qualcuno se ne accorge poco prima dell'inizio ed esprime il suo timore nell'essere coinvolto. Niente paura, non passerà molto prima che tutti s'improvvisino poeti. L'autore cerca di chiarire cosa sia poesia: parole normali, tenute insieme da strane relazioni che gettano uno sguardo sulla realtà. In definitiva Formentini invita ad avvicinarsi alla poesia come qualche cosa che, con le solite parole, tende a rinnovare il linguaggio. Si passa svelti alla pratica, cominciando dalla lettura. Sceglie i temi più classici (l'amore, l'infinito, i paesaggi) mettendo a confronto autori diversi (Dante, Pasolini, Carducci). Passa da un'intonazione all'altra, cercando di dare una forma coerente, non solo appassionata o ispirata, tra il significato delle parole e il loro significante (il suono che le nomina). Infine la scrittura, nel tentativo originale di ripercorrere le orme di Virgilio, tutti i partecipanti vengono invitati ad esprimersi in versi.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati

1Enti correlati