07/09/2003

LA TEORIA MATEMATICA DEI GIOCHI


2003_09_07_176

Roberto Lucchetti si occupa di questa avvincente disciplina che tratta dello studio delle situazioni di interazioni strategiche fra individui, tese a ottenere un risultato che non dipende solamente dalle proprie scelte. Nota anche al grande pubblico grazie al film "A beautiful mind", dedicato alla figura di John Nash, essa ha applicazioni fra l'altro in economia e nella teoria delle scelte sociali. Lucchetti ne parla con il matematico Giuseppe Rosolini.


English version not available

Italiano

Cos'è un gioco? Una rappresentazione straordinaria dei meccanismi della vita, secondo Roberto Lucchetti. Il professore genovese, insieme a Giuseppe Rosolini, ha stregato la platea del Bibiena parlando della teoria matematica dei giochi. Un coinvolgente ed affascinante viaggio tra psicologia, filosofia e matematica. «Il gioco - sostiene Lucchetti - è estremamente importante: può esprimere la razionalità degli individui e, al contempo, rivelarne l'irrazionalità. Descrive le relazioni interpersonali e smaschera gli atteggiamenti umani in determinate situazioni. E può, come per magia, incuriosire centinaia di spettatori. È incredibile: 600 persone che pagano per incontrare due matematici è un qualcosa che accade solo a Mantova. E, per quanto ne so, di altre Mantova al mondo non ce ne sono».

1Luoghi collegati