08/09/2005

READING


2005_09_08_015

«Saprà la mia lingua custodirti/ e queste parole immerse/ farne ossa stagioni» ("La lingua di Dio"). Nata a Buenos Aires, Maria Angela Bedini svolge attività di ricerca preso l'Università delle Marche. La cifra della sua poesia è una parola tesa e robusta in direzione di una spiritualità quasi fisica alla maniera delle grandi mistiche. La introduce Nella Roveri.


English version not available

Italiano

Carezza, scava, ferisce. Incanta. È la voce pacata di Maria Angela Bedini, che, in controcanto, con la soavità di Nella Roveri, dà vita a un momento di profondo raccoglimento poetico; e leggendo brani tratti da "La lingua di Dio", ci addentra in quel commercio segreto tra cose, corpi e parole senza il quale vita e poesia si ritroverebbero prive di linfa. Narra di sé la Bedini, racconta di esperienze primordiali, di morte e di innamoramenti, ma la sua è una scrittura dai colori sabbiati che i nodi non scioglie: è un universo di mille frammenti che confluiscono in un buio spiazzante, una notte di mistici mormorii in anfibio equilibrio tra l'interno e l'esterno; perché in ogni caso non si può uscire da se stessi. Il silenzio si abbandona al fluire delle parole di Maria Angela, all'energia inarrestabile dell'oralità, che sfronda l'immobilità e la fissità dei caratteri fissati sulla pagina. Io guardo le cose e non vedo e non sento che il loro cantare: così recitano alcuni suoi versi, che in ultimo altro non sono che il sogno di una parola che tenta di entrare nel cuore nascosto del mondo, di decifrarne l'alfabeto segreto.

1Persone correlate

1Luoghi collegati