09/09/2005

IL FUNAMBOLO E LA LUNA


2005_09_09_102

Una moderna Sibilla, con sapienza oracolare, ci guida tra i segreti di un circo, che pianta il suo immaginario tendone in una città portuale intrisa di umori greci. Ai clowns, ai giocolieri, ai cantastorie ma soprattutto all'aereo e superbo funambolo sospeso su una corda di luce che si protende alla luna, il poemetto di Ritsos affida i magici ruoli di alfieri e metafore della realtà. Dai loro dialoghi sbocciano le verità e le passioni del poeta greco: il volo vertiginoso della poesia e dell'arte, il tumulto della storia, lo scatto della speranza in una rigenerante purificazione dell'uomo. 
 con: Alessio Romano, Leonardo Adorni, Iacopo Maria Bianchini, Alessandro Mori; musiche originali di: Daniele D'Angelo; progetto di: Elisabetta Pozzi e Daniele D'Angelo.


L'evento 102 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto presso l'Area di Santa Paola.

English version not available

Italiano

C'era una volta un giardino imperlato di stelle. C'era un silenzio fatato su cui passeggiava un funambolo tendendo la mano verso la luna. D'un tratto uno scambio di voci e di immagini ricche, preziosi cristalli a lungo rimasti nascosti: lo sguardo di un uomo a sfiorare le onde del mare, un canto d'amore e di estrema dolcezza, gli echi del mito e ancora l'amore, oltre il principio e la fine. E tra una carezza e il rimpianto di fogli strappati irrompono i suoni di un circo dai mille colori, dove si alternano volti che rievocano dei ed eroi: Artemide, Persefone, Alekos, Euridice. Ione. Che la festa cominci, sfavillante e gioiosa, grassa di risa! Ma un colpo insanguina il cielo: tra danzatori, cavalli e domatori, s'insinuano spari e lamenti di morti in battaglia, incalzano grida... e gli stivali pesanti dei militari impauriscono fino al terrore. Per qualche istante acrobati e clowns cedono il posto ai partigiani delle montagne; tuttavia non s'arresta il fragore del circo, seppur l'allegria sia venata di malinconia. Finché l'estate non volge al crepuscolo. Del variopinto tendone rimangono solo i montanti: ritornano quiete e respiro. Nostalgia. Tra i crepacci, però, sospeso su un filo tra valli azzurrate, il funambolo va, poeta e profeta, ancora anelando alla luna; cammina, in equilibrio eternamente precario, mascherando leggero il rischio e il travaglio. In un bacio argentato.

1Luoghi collegati