10/09/2005

Joe R. Lansdale con Carlo Lucarelli


2005_09_10_130

È il Texas il leitmotiv dei romanzi di Joe R. Lansdale, che per il resto resta autore del tutto incatalogabile. Thriller, pulp, commedia nera, western, romanzo storico, satira sociale, romanzo di formazione: il suo talento eclettico sconvolge i classici canoni ed entusiasma i suoi lettori. Riuscirà un grande scrittore di casa nostra a scoprire il segreto delle storie dell'autore di "Oltre ogni limite" e "Tramonto e polvere"?


English version not available

Italiano
Inglese

New Orleans come il Texas di Joe R. Lansdale. Ne "La notte del drive-in", persone in una situazione disperata compiono atti tremendi e disperati, proprio come ora succede in America. Il genere di Lansdale non è noir, nemmeno pulp, figuriamoci i gialli: è semplicemente Lansdale. Ha uno stile satirico e geniale. Carlo Lucarelli lo incontra in un (finalmente) assolato pomeriggio al Cortile della Cavallerizza. Lansdale, da texano, ama inventare storie, narrazioni epiche e quasi mitologiche. In "Bubba ho-tep", Elvis Presley è ricoverato in un ospedale psichiatrico. Il suo compagno di stanza è uno che si crede John Fitzgerald Kennedy: solo che è nero. Tutti e due hanno una fottuta paura che una brutta bambina esca fuori dalla tazza del cesso. La violenza è esorcizzata nei suoi libri grazie a eleganti sventagliate d'ironia: ne "Il mambo degli orsi", i due protagonisti sono picchiati a sangue da un gruppo razzista del Klu Klux Klan. Ad uno dei due scappa una scorreggia, proprio quando è stesso per terra, massacrato. Tornati a casa, se ne vergogna ancora. Un lungo applauso sottolinea, a fine incontro, un'idea niente male: perché non fare un bel libro a quattro mani, signor Lansdale? Magari proprio con Carlo Lucarelli... gli editori, in prima fila, sono tutti sull'attenti.

1Luoghi collegati