08/09/2006

FATA-POETA. Incontro volante sulla poesia Fata che 'fa' 


2006_09_08_110

dai 6 ai 10 anni


Bruno Tognolini scuote il sacco delle oltre 500 poesie e filastrocche scritte in dieci anni per i libri, per la TV, per il teatro, per il cinema, per la figlia e per gli amici. Il poeta ha scoperto che la poesia è Fata perché 'fa' (buon ultimo, perché i Greci l'hanno chiamata 'poesia' proprio per questo). La poesia 'fa' star zitti e incantati i bambini: 'fa' passare il tempo, passare il mal di testa, il malaugurio e altri mali a scelta; 'fa' sognare e pensare; 'fa' al caso nostro. Perché la poesia fa, e 'fa bene'.


English version not available

Italiano

«Le filastrocche hanno due ali: quella del senso e quella del suono»: questa frase è stata pronunciata da Bruno Tognolini, noto 'filastrocchiere' che lavora anche per il programma televisivo "La Melevisione". All'inizio dell'evento Bruno ha letto due storie: una che parlava di una bambina di nome Nietta mentre l'altra sul papà. Nella seconda parte dell'incontro Tognolini ha recitato alcune filastrocche sugli argomenti richiesti dai bambini e altre a indovinello. Alla fine dell'evento Bruno ha letto, e poi fatto ripetere verso per verso, delle filastrocche apposite per scacciare via i brutti sogni, la tosse, il sonno.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati