06/09/2008

LA MATEMATICA DELLA CONOSCENZA


2008_09_06_154

Le arti figurative, la letteratura, la musica, cosí come la fisica, l'economia o la biologia sono legate a doppio filo con la matematica; questa trova a sua volta nelle altre discipline una continua ispirazione, sia a livello concettuale sia nel metodo. Per questo tutta la storia della matematica è percorsa da pensatori eclettici e scoperte sorprendenti che possono essere lette come un romanzo tra i più affascinanti. Ne discutono Piergiorgio Odifreddi ("Il matematico impenitente") e il matematico Claudio Bartocci, curatori di "La matematica". 


English version not available

Italiano

«Dovremmo parlare di matematica, ma lo scopriremo solo durante il pomeriggio». Due fiumi in piena. Claudio Bertocci e Piergiorgio Odifreddi si scatenano e danno vita ad un turbine di racconti ed esperienze «matematiche» nel mondo reale. La matematica è una pluralità di voci, una polifonia. Non è contrapposta al pensiero umanista. È un continuo intreccio tra la matematica e le altre scienze, l'arte, la letteratura, in un continuo scambio di conoscenza. La matematica stessa cerca un rapporto continuo con le altre materie e con se stessa: si costruisce su problemi che diventano teoremi, che a loro volta diventano altri problemi. La fantasia nel matematico è sovrana. I numeri primi sono stati «scoperti» duemila anni fa, ma sono uno dei problemi fondamentali anche del nuovo millennio, con ulteriori e sempre nuove frontiere da superare. Naturalmente la matematica è utile per descrivere il mondo, ma non deve essere considerata la sua lingua naturale, deve essere una integrazione alle varie letture che se ne possono fare. Dante ha utilizzato un modello matematico-geografico per descrivere il suo universo, Galileo e Newton hanno rafforzato il rapporto tra fisica e matematica e, tornando alla letteratura, molti scrittori hanno utilizzato metodi matematici per scrivere i propri testi o per avere una idea particolare. E anche la matematica, come la letteratura, ha il suo stile, così come la musica o la pittura. Il problema finale è forse però più semplice ed insieme il più difficile da risolvere: come rendere più amabile la matematica agli studenti? Farla conoscere, divulgarla nelle sue particolarità e nelle sue applicazioni più curiose, in modo da non sprecare i talenti che ci sono anche nella scuola italiana.

1Luoghi collegati

1Rassegne e temi correlati