11/09/2010

LE PAROLE DEL GIORNALISMO
. 2. La cronaca giudiziaria


2010_09_11_164

Delle parole della cronaca giudiziaria parlano la giornalista del Corriere della Sera Fiorenza Sarzanini e lo scrittore Carlo Lucarelli.


Quando parliamo di fatti di cronaca o di eventi sportivi, spesso senza accorgercene usiamo le parole che i giornalisti hanno scelto per noi. Ma siamo certi di comprenderne il significato fino in fondo? Espressioni come "maxiprocesso" o "calciopoli" vengono dalla carta stampata e sintetizzano vicende complesse, con il rischio di operare semplificazioni e generare ambiguità. Per capire virtù e limiti delle parole del giornalismo, alcune prestigiose firme di quotidiani nazionali si confrontano al Festival con "esperti" dei diversi settori.

In collaborazione con la "Commissione Cultura" dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti.

English version not available

Italiano

Lo scrittore Carlo Lucarelli incontra Fiorenza Sarzanini giornalista del Corriere della Sera che si è interessata di casi di cronaca nera e giudiziaria di risonanza internazionale come l'omicidio che ha visto come imputata Meredith Kercher. I due protagonisti dell'incontro toccano temi molto scottanti e di grande attualità, considerata la fortuna che la cronaca nera ha tra il pubblico italiano. Numerosi gli interrogativi: si deve pubblicare una notizia che non è certa? È giusto che venga riferito tutto di un'inchiesta e che poi si taccia in merito al processo che ne segue? Il linguaggio giornalistico non dovrebbe essere meno tecnico e meno scadente?
Interessanti i confronti sulle numerose differenze e sui punti di incontro nel modo di trattare le notizie tra il mezzo televisivo e la carta stampata.

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati