07/09/2011 - Pagine Nascoste

KORAN BY HEART

2011_09_07_PN1930

Evento ripetuto

di Greg Barker, USA, 2011, 77'
Anteprima italiana
La recita del Corano è una delle tradizioni più rispettate dell'Islam. Ogni anno ragazzi provenienti da oltre 70 nazioni si ritrovano al Cairo per sfidarsi nella citazione a memoria di brani del libro sacro, davanti a una giuria di autorità religiose. Ognuno viene valutato sia per la capacità di memorizzazione delle oltre 600 pagine, che per l'abilità e passione nel salmodiare le parole del Profeta. Seguiamo in particolare tre giovani partecipanti: Djamil, di soli 7 anni, la cui famiglia in Senegal attende con ansia i risultati; Rifdha, 10 anni, dalle Maldive, è una delle poche bambine presenti; Nabiollah, 10 anni, dal remoto Tagikistan, non parla né comprende l'arabo, eppure lo recita con voce angelica.

English version not available

Con la proiezione di "Koran by Heart" di Greg Barker anche per quest'anno al Taetreno ha riaperto la rassegna delle "Pagine Nascoste": stasera le pagine che hanno ispirato la storia raccontata dal regista americano sono quelle del "Corano". Dopo Sergio, documentario candidato all'Oscar dedicato al rappresentante delle Nazioni Unite a Baghdad durante la guerra in Iraq, Barker torna a documentare il mondo islamico e lo fa tramite le voci di tre bambini, che durante il Ramadan del 2010 hanno partecipato al Cairo alla prestigiosa gara di recitazione del Corano che ogni anno vede sfidarsi ragazzi tra i 7 e i 20 anni provenienti da 70 stati islamici, diversi però per lingua, stili di vita e condizioni politico-economiche. L'Egitto sullo schermo non è più quello attuale, ma il film offre uno spaccato non scontato dell'Islam moderato di oggi: il Corano dà norme di vita, ma non istiga alla violenza (gli integralismi sono frutto di un fraintendimento gravissimo); la donna può e deve studiare come gli uomini e anzi in lei la formazione religiosa è fontamentale perché, come dice il padre di Rifdha (bimba di 10 anni arrivata seconda alla kermesse), un uomo è una singola persona, ma una donna è una nazione intera. È però lo stesso genitore che proprio per questo motivo vuole che la figlia studi e poi finisca con l'essere una casalinga... Contraddizioni del presente islamico, ma non solo: d'altronde la convivenza con questa cultura è una realtà in cui viviamo. Sabato alle 10:30 si replica: la qualità del filmato forse non è ottima, ma l'occasione di conoscere un pezzetto in più di questa realtà merita!

1Luoghi collegati

18Eventi collegati