09/09/2011

I CACCIATORI DEL BUIO

2011_09_09_147

L'analisi della scena del crimine. La ricerca delle anomalie. Minuscoli strappi nella trama della normalità, piccoli inciampi nella sequenza logica di una comune indagine di polizia: in queste insignificanti imperfezioni si nasconde spesso qualcos'altro. Un passaggio verso una verità differente, inimmaginabile. È possibile raccontare un'altra verità riguardo a noti casi di cronaca che sembravano risolti? Uno spettacolo fra mostri e delitti, di oggi o del passato. Una nuova figura di profiler. E la storia - reale e a molti sconosciuta - dell'Archivio criminale più grande del mondo. Sul palco: Donato Carrisi ("Il tribunale delle anime") e il giornalista Luca Crovi.

English version not available

Italiano

L'evento al Teatro Ariston di questa sera viene aperto da Donato Carrisi che ci svela qual è l'archivio criminale più grande del mondo: l'Archivio della penitenzieria apostolica del Vaticano. Lo raggiunge sul palco Luca Crovi che indossa corna luciferine e stempera l'atmosfera da film thriller.
I due chiacchierano e Carrisi racconta del suo ultimo libro che è iniziato quasi per caso grazie ad una figura misteriosa. L'incontro è un alternarsi di momenti tanto veri quanto terribili ed inquietanti con momenti esilaranti estrapolati da storie vere.
Sul finire Carrisi dedica un momento a Paola Favaretti che ha vissuto la sua personale storia dell'orrore e muore troppo giovane per l'ignoranza della sorella.

1Luoghi collegati

1Enti correlati