09/09/2012

LO SCRITTORE NEL PALLONE (DA BASKET)

2012_09_09_215

dagli 8 ai 12 anni

Chi ha inventato il gioco del basket? Quanto è alto il canestro? E quante sono le regole? E se per ognuna ti racconto una storia? E se il pallone lo porto io? Tanto vale chiederlo a chi le storie le racconta davvero (Andrea Valente) e chi ha il basket anche dentro i calzini (Dan Peterson). Dal tiro da tre punti al gancio cielo, dal tap-in alla stoppata, quattro chiacchiere e due rimbalzi narrativi, tra ricordi passati e speranze future. E se il prossimo campione fossi tu?!

English version not available

Italiano

Andrea Valente è la spalla, questa sera, di una delle stelle più grandi del basket: giocatore, allenatore, telecronista, Dan Peterson è il 'tuttofare' della pallacanestro. 
È un piacere sentirlo parlare, con quell'italiano cadenzato e un «ok?» americano alla fine di quasi ogni frase. Risponde alle domande di Valente con aneddoti, consigli ai giovani campioni e piccoli aforismi. Racconta di una conferenza stampa con Bryant, allenatore degli Alabama che spaventava ogni giornalista, dopo che una partita era stata persa, finalmente un giornalista prende parola e chiede al coach: «Scusi signor Bryant, come mai la squadra ha perso?» e si sente urlare la fredda e secca risposta: «Lei si sbaglia! Non abbiamo perso: è il tempo che è scaduto!». 
Peterson riceve anche un sacco di domande dai giovani spettatori, ma lo colpisce soprattutto una ragazza che chiede la sua opinione sul basket femminile, che Dan appoggia. Peterson commenta l'ultima partita della pallacanestro italiana e la giudica ottima tecnicamente. Riesce persino a puntare su qualche nuova scommessa italiana, come il giovane Della Valle. E poi alla fine l'ultima richiesta di Andrea lo spiazza un po', ma non lo sorprende del tutto. Strappa una risata al pubblico, urlando la sua celebre frase «Mamma, butta la pasta!».

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati