05/09/2013

ANTOLOGIA

2013_09_05_025

dai 14 ai 18 anni

L'antologia, con il suo peso anche fisico, ci ha accompagnato a lungo sui banchi di scuola. Brani letti ad alta voce in classe, subiti come compiti a casa, spunto per andare a leggere i libri degli autori citati o magari per evitarli per sempre. Come tutte le cose basate su scelte ed esclusioni, non è facile compilare una proposta di letture rivolte agli alunni delle scuole superiori. A Festivaletteratura abbiamo pensato di rimettere la scelta nelle mani dei destinatari: quali autori, racconti, brani, libri sceglierebbero per la 'loro' antologia? Ne discuteranno con i diretti protagonisti Beatrice Masini, scrittrice, traduttrice, responsabile editoriale, e Paolo Piccirillo, scrittore e lettore. I ragazzi dei gruppi di lettura di Mantova, Mirandola, Carpi e Rimini daranno il via alla discussione, con le scelte raccolte prima del Festival. Impagina l'antologia Simonetta Bitasi.

English version not available

Italiano

Se esiste qualcosa in grado di farci provare molto fastidio, quella è la netta sensazione di subire le scelte e i comportamenti degli altri. Scelte, in particolare, che finiscono spesso per determinare le nostre decisioni future e, parlando di libri, si finisce inevitabilmente per commentare i testi scolastici, libri in assoluto tra i più odiati.
Sulla necessità di cambiare si sono trovati d'accordo gli autori Paolo Piccirillo e Beatrice Masini. Ad accumunarli c'è l'amore per i libri e l'attenzione che rivolgono ogni giorno verso i lettori più giovani, spesso oppressi dalle imposizioni di genitori e insegnanti. A fare da tramite tra gli autori e il pubblico (costituito anche dai ragazzi dei gruppi di lettura delle biblioteche di Mantova, Carpi e Rimini) ci ha pensato l'esperta Simonetta Bitasi, che ha coinvolto tutti i ragazzi con lo scopo di costituire una nuova antologia. 
«L'antologia è qualcosa che vale in sè, per sè, e che duri nel tempo».
I ragazzi non hanno avuto dubbi sulle caratteristiche della loro personale antologia che riunisca brani di vario genere: dai gialli e dai classici, ai libri contemporanei e alle saghe, non escludendo i libri umoristici. Non sono mancate, però, le discussioni e gli interventi volti a dare una dimostrazione della voglia che i ragazzi hanno di proporre qualcosa che li rappresenti a pieno, qualcosa di vivo (e vivibile!) che sia uno specchio del società in cui vivono. L'entusiasmo che i giovani riescono a dimostare nei confronti dei libri e che si augurano di poter trasmettere a coetanei ma, prima ancora, ai genitori, rendendosi così portavoce dell'amore per la lettura.
«Per capovolgere le cose e immedesimarsi in esse, bisogna prima creare queste cose e prima ancora leggerle»

1Luoghi collegati

1Enti correlati