04/09/2014

ALLA RICERCA DEL MODELLO PERDUTO

2014_09_04_033

In attesa di un vento favorevole che possa orientarci per il futuro, il sociologo Domenico De Masi ci aiuta a capire alcuni modelli culturali che hanno pervaso la storia dell'uomo e ne hanno determinato progressi e sventure. Questa mappa concettuale, questa "Mappa Mundi" - per riprendere il titolo del suo ultimo libro - dovrebbe aiutarci a disvelare una direzione in un mondo che sembra aver perso l'orientamento. Ne siamo capaci? Abbiamo gli strumenti per costruire un nuovo modello virtuoso?

English version not available

Italiano

«Venti, trent'anni fa, quando viaggiavo in Sud America, mi capitava di notare questo: che loro erano depressi, e noi euforici, perché il nostro era il modello culturale ed economico vincente. In seguito, circa una decina d'anni fa, è incominciata una graduale inversione di tendenza: loro incominciavano a ed essere euforici, e noi a deprimerci. Oggi abbiamo raggiunto la parità: siamo tutti depressi, finalmente».   Domenico De Masi riassume così, con la consueta e sottile ironia, la serie di mutamenti storici, politici ed economici che hanno investito il mondo occidentale dagli anni Ottanta ad oggi. Una boutade, certo, ma è questo il punto di partenza per la "Ricerca del modello perduto" che De Masi ha intrapreso nel suo "Mappa Mundi", pubblicato da Rizzoli nel Febbraio 2014, e presentato oggi nella Basilica Palatina di Santa Barbara.  La 'depressione' degli anni '10 coincide dunque col declino apparentemente inarrestabile del modello occidentale: al crollo delle economie corrisponde la crisi di valori culturali, e così «Madame Bovary era infelice, ma la sua infelicità si poneva all'interno di un sistema storico e culturale ben preciso, con contorni netti e a loro modo rassicuranti. Oggi quei confini sono sbiaditi, si perdono nella carenza di un modello condiviso di società».  La differenza con il passato, quindi, è che oggi, di fronte all'ennesima crisi epocale, non c'è traccia di un'elaborazione teorica che possa farle fronte: nulla di paragonabile alle teorizzazioni di Smith, o al lavoro di Diderot e D'Alembert; nulla, in sostanza, che definisca chiaramente lo spirito e il senso di un'epoca che arriva al suo punto di svolta; nessun concetto che, condiviso, possa aiutarci ad attraversare il guado. Non bisogna scavare troppo a fondo in questo ragionamento, per trovare una critica al modello capitalistico.  E infatti De Masi cita positivamente le previsioni di Keynes sulla riduzione degli orari di lavoro, e segnala la prossima pubblicazione in Italia de "Il capitale nel XXI secolo" di Thomas Piketty. Dunque, che fare? Da sociologo, De Masi ha raccolto quindici tra i più interessanti e rappresentativi modelli sociali creati dall'uomo nell'arco della storia. La soluzione, per noi, sta nel confronto tra i punti di forza dei vari modelli, sulla strada di una condivisione più compiuta di riferimenti culturali e produttivi: il 'meticciato culturale' ci salverà.  

1Persone correlate

1Luoghi collegati

1Enti correlati