09/09/2016

IVAN ILLICH. NEMESI DELLA MODERNITÀ

2016_09_09_144

«Le società in cui le persone dipendono l'un l'altra tramite la forza di volontà, la gentilezza, e le loro capacità sono chiamate sottosviluppate, mentre quelle in cui la vita consiste nell'ordinare da un catalogo onnicomprensivo sono dette avanzate». Ivan Illich è stato uno dei critici più profondi, organici e radicali della modernità e del pervertimento delle sue istituzioni come la scuola, la sanità e la religione.

L'antropologo Franco La Cecla ("Ivan Illich e la sua eredità") e il geografo Franco Zanini ("Significati del confine") si confrontano con l'attualità impressionante del suo pensiero, spesso travisato, abusato, ignorato.

English version not available

Italiano

Non disponibile.

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati