08/09/2017

RIME VITAMINE. Uso e manutenzione della poesia nella vita dei bambini e di tutti

2017_09_08_063

dai 6 ai 10 anni

Dagli arcaici scongiuri agli spot della Apple, dalle rime dei giochi che zampillano in voci bambine con tutti gli accenti d'Italia alla "Divina Commedia" detta in rap, dagli slogan degli stadi al Pirulìn piangeva delle scuole materne. La poesia fa piangere quando serve piangere, ridere se serve ridere, capire che cosa ci accade. Un volo d'angelo nell'arcaico mormorio dell'uomo in rime e versi, fino alle 470 filastrocche della Melevisione, alle "Rime di Rabbia", "Rime Raminghe", "Chiaroscure", "Piccoline", e tutte le altre di Bruno Tognolini.

English version not available

Italiano

I piccoli volontari della redazione junior sono più che pronti. Saranno loro a raccontare gli eventi con nuove prospettive e presentare i laboratori della Casa del Mantegna, dedicati al nostro pubblico più giovane. Bruno Tognolini, poeta d'occasione, arriva al Festival trascinando con sé tutte le sue filastrocche della Melevisione: le "Rime di Rabbia", "Rime Raminghe", rime dei bambini in giro per l'Italia ma anche da terre straniere come l'Arabia, la Bosnia o la Polonia. Le rime di Bruno sono perfette per ogni occasione, sono vere e proprie medicine: ce ne sono per il mal di pancia, mal di orecchi, raffreddore, febbre o il mal di testa della mamma. Sono anche molto utili per sistemare le cose più fastidiose, come calzini che scendono quando cammini, le zanzare che ti ronzano in torno proprio quando tu vuoi addormentarti, per far scattare il verde, per scacciare via i brutti sogni o i grandi appiccicosi che ti baciano sugli occhi e ti danno i pizzicotti. Le rime di Bruno non risolvono la situazione, ma fanno vedere scritte le proprie sensazioni: che sia una filastrocca, una canzone o una scritta su un muro ci fa sentire meglio. Ecco perché il nostro scrittore scrive anche di brutte cose che fanno piangere o sfogare la rabbia: per chi ha i genitori che si separano, maestre che vengono a mancare o nonne con l'Alzheimer. E così bambini e adulti hanno passato un'ora di divertimento ad ascoltare Bruno cantoparlare tutte le sue filastrocche e ascoltare quelle di tanti bambini italiani che si tramandano attraverso giochi di mani e passaparola. Ecco cosa serve per tener su le calze che scendono: sole che sali negli alti mattini
fai stare in alto anche questi calzini
io tiro su ma non voglio stare
stupide calze somare ...oppure per scacciare il mal di pancia: mal di pancia calabrone porta via il tuo pungiglione mal di pancia moscerino
finirai dentro al casino.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati