10/09/2017 - Lavagne

IL VUOTO E I CONFINI

2017_09_10_LAV1100

L'architettura è arte di costruire e immaginare limiti che intrappolino lo spazio che attraversiamo quotidianamente. Dalla Tomba di Agamennone passando per il Pantheon e i grandi capolavori della nostra Storia, l'uomo ha utilizzato il vuoto come materia per costruire grandi architetture con geometrie e tracciati sempre più sofisticati. Ma oggi il vuoto e i suoi nuovi confini sono una materia da trattare con cura e delicatezza, non per separare, ma per immaginare un futuro differente a zero cubatura.

Gesso e ardesia sono i device - come va di moda dire oggi - attraverso i quali passano i problemi, le ipotesi, le equazioni, le dimostrazioni dibattuti e argomentati alle Lavagne. La curiosità è di casa in piazza Mantegna, e i temi di quest'anno sono più vari, passando dalla fisica quantistica alla biologia, dalla psicologia all'architettura.

La "lavagna" di domenica 10 settembre delle ore 11:00 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto in piazza Mantegna.

English version not available

Italiano

Non disponibile.

1Persone correlate

1Luoghi collegati