06/09/2018

UNA RIGA TRACCIATA SUL FOGLIO

2018_09_06_051

Frontiera: linea di confine tra due stati. Se ci si attiene alla definizione del vocabolario, è semplice definire un concetto la cui sola esistenza ha creato infiniti dibattiti e guerre, ma la realtà è molto più complicata. Ci sono frontiere visibili e altre invisibili, alcune imposte dalla conformazione del territorio e altre decise a tavolino con carta e penna, senza contare quelle economiche o culturali che quasi mai seguono quelle che definiscono i contorni delle nazioni. In un momento storico segnato da guerre, istanze separatiste e migrazioni, a interrogarsi sul significato e il futuro delle frontiere sono Bruno Tertrais, esperto di relazioni internazionali e autore con Delphine Papin di un Atlante delle frontiere, e il geografo Franco Farinelli, che in numerosi suoi studi (L'invenzione della terra, Le frontiere della geografia) è tornato sul concetto di confine, accompagnati dal giornalista Valerio Pellizzari, che per oltre quarant'anni da inviato speciale ha seguito alcuni dei più cruenti conflitti lungo le linee che separano popoli e stati.
Con il sostegno dell'Institut Français Italia nell'ambito del ciclo di incontri "Cultivons notre jardin".


L'evento 051 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto presso l'Aula Magna dell'Università.



 

English version not available

Italiano
Francese

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati